"Trenitalia e Italo ci ripensano e cancellano molti biglietti"

Trenitalia e Italo ci ripensano e cancellano molti biglietti
StatoQuotidiano.it StatoQuotidiano.it (Interno)

Per “ottemperare a quanto previsto” dall’ordinanza “emessa improvvisamente ieri dal ministro della Salute che reintroduce, con decorrenza immediata, l’obbligo di distanziamento nei treni ad Alta velocità” Italo – è stata ” costretta, suo malgrado, a cancellare 8 treni della mattina e numerosi biglietti per i treni del pomeriggio, arrivando a coinvolgere circa 8000 passeggeri che non hanno potuto fruire del biglietto già acquistato”.

La notizia riportata su altre testate

Italo, conclude la nota, "si è già attivata per rimborsare i passeggeri nel più breve tempo possibile e sta lavorando per ridurre al minimo eventuali disagi per i prossimi giorni confidando nella comprensione dei suoi clienti". (AGI - Agenzia Italia)

Appena due giorni fa i treni avevano ripreso a viaggiare al 100% della capacità, affermando che fossero state raggiunte delle specifiche condizioni, segnalate nel Dpcm dello scorso 14 luglio, che consentivano di poterlo fare. (Fanpage.it)

Nel frattempo l'ordinanza del ministro Speranza riporta indietro di 24 ore le lancette dell'orologio e lascia tutto invariato. Lo scontro negato. (Il Messaggero)

Covid-19, Italo cancella due collegamenti Torino-Reggio Il passo indietro del Governo sul distanziamento nei treni costringe la società ad azzerare alcune tratte. In particolare sono state depennate le corse che univano le due città con il conseguente azzeramento delle tappe intermedie delle 5:23 e delle 13:23. (Corriere della Calabria)

«A nostro avviso il treno presenta strutturalmente condizioni migliori rispetto ad altri mezzi di trasporto come, per esempio, l’aereo. Il ministro della Salute ha ordinato il dietrofront sulla deroga al distanziamento a bordo dei treni. (Corriere della Sera)

«Fino a questo momento c’è stata confusione» ammettono. «Al momento c’è qualche contrasto tra le misure adottate - confidano - e invece è bene che le norme siano coerenti». (Il Gazzettino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr