Nella Lega le divisioni su vaccini e green pass lasceranno un segno. Dentro e fuori il partito

Nella Lega le divisioni su vaccini e green pass lasceranno un segno. Dentro e fuori il partito
Il Gazzettino INTERNO

Lasceranno un segno nel partito e anche nella sua capacità, soprattutto nelle regioni del Nord, raccogliere consensi soprattutto nel mondo moderato

Ciò che Zaia non dice, ma forse pensa, è che queste divisioni non verranno riassorbite facilmente dalla Lega.

Del resto anche alcuni governatori della Lega la pensano in modo diverso distinguendo tra chi è vaccinato e chi non lo è.

Poi, se resta qualche nostalgico del no green pass o del no mask ne prenderemo atto. (Il Gazzettino)

Su altre fonti

Le mie posizioni sono vicine a quelle di Bagnai e Borghi, ovvero quelle della vecchia Lega" ha concluso "Non accetto il green pass", il consigliere comunale ha tenuto una conferenza in Palazzo Vecchio accompagnato dal consigliere comunale di Pisa Manuel Laurora che, recentemente, ha lasciato la Lega ed è uscito dalla maggioranza. (Qui News Firenze)

Ma anche, o soprattutto, ed è la seconda spina nel fianco del segretario, dagli esponenti leghisti che siedono al governo. La prima, la più importante per la liturgia leghista perché senza precedenti, è la firma di un documento congiunto con i governatori. (Corriere della Sera)

- Advertisement -. - Advertisement -. AgenPress – “Gli indecisi a Roma li convinciamo con i fatti: dove governa la Lega la differenziata è al 90%, la tassa sui rifiuti è tra le più basse d’Italia. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, durante una iniziativa elettorale nella periferia nord di Roma (Agenpress)

Migranti, Conte: "Lamorgese competente, esperta del settore" • Imola Oggi

Leggi la notizia integrale su: La Repubblica - Sicilia. Il post dal titolo: «Ras del trasformismo folgorati dalla Lega la pesca a strascico di Salvini in Sicilia» è apparso sul quotidiano onlinedove ogni giorno puoi trovare le ultime notizie dell'area geografica relativa a Sicilia Nel mezzo, un gregge in transumanza, anni di migrazione dei ras del trasformismo in salsa sicula. (GeosNews)

E invece no, Salvini da quell’orecchio proprio non ci sente, non più tardi di due giorni fa ha messo in guardia il suo governo: “Quota 100 va confermata, siamo pronti a fare barricate davanti al parlamento”. (L'HuffPost)

“I decreti sicurezza mi furono portati da Salvini e discutemmo molto, per me c’erano delle cose inaccettabili e venne modificato. “Fu un discorso per me di verità e non immaginavo assolutamente che ci fossero le condizioni per il Conte 2”, ha spiegato. (Imola Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr