"Basta allarmismi". E Zangrillo spiega perché il virus è "clinicamente inesistente"

Basta allarmismi. E Zangrillo spiega perché il virus è clinicamente inesistente
Più informazioni:
il Giornale SALUTE

A detta di Zangrillo, oggi non ci sarebbe correlazione tra quello che viene comunicato e ciò che realmente accade.

Il 31 maggio 2020 dissi che il virus era clinicamente inesistente, perché nel mio ospedale da un mese non entrava un paziente da ricoverare per Covid.

Alberto Zangrillo, primario di Anestesia e Rianimazione all'Irccs ospedale San Raffaele di Milano, prorettore dell'università Vita-Salute San Raffaele, intervistato dalla Stampa, ha parlato di un virus clinicamente morto, almeno nei reparti. (il Giornale)

La notizia riportata su altri media

ariante Delta Roma, Cauda: «Nella Capitale circola molta. DOMANDE E RISPOSTE Covid, contagi «anche tra vaccinati ma incidenza 10 volte. COVID Grecia, 18enne italiano positivo in vacanza resta senza alloggio a. (quotidianodipuglia.it)

Il 31 maggio 2020 dissi che il virus era clinicamente inesistente, perché nel mio ospedale da un mese non entrava un paziente da ricoverare per Covid. E oggi, secondo Zangrillo, «non c’è correlazione tra ciò che viene comunicato e quello che accade (Il Primato Nazionale)

Zangrillo torna a dire che il “virus è clinicamente inesistente”. In un’intervista rilasciata al quotidiano La Stampa, Alberto Zangrillo dice che non ci devono essere più allarmismi. A differenza del violinista Niccolò Paganini, Alberto Zangrillo non solo si ripete, ma si rivendica. (neXt Quotidiano)

Zangrillo: "Virus clinicamente inesistente, basta allarmismi"

E oggi, secondo Zangrillo, «non c'è correlazione tra ciò che viene comunicato e quello che accade Virus morto, Zangrillo spiega perché. «Nessuno vuole disconoscere la pandemia - precisa - ma ci sono anche altri malati di cui non bisogna dimenticarsi. (ilmattino.it)

Ora, 21 luglio, lo ripete in un'intervista alla Stampa: "Il mio compito di clinico è interpretare la realtà. Il 31 maggio del 2020 aveva detto: "Il virus è clinicamente morto". (YouTG.net)

Il 31 maggio 2020 dissi che il virus era clinicamente inesistente, perché nel mio ospedale da un mese non entrava un paziente da ricoverare per Covid. Insomma, “bisogna dare banalmente più valore alla mascherina invece di fissarsi su mille paure – insiste il primario del San Raffaele – Anche i gel disinfettanti nei negozi ormai sono inutili (LiberoReporter)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr