Ema, vaccini: "Richiamo dopo 4 mesi può indebolire sistema immunitario"

Ema, vaccini: Richiamo dopo 4 mesi può indebolire sistema immunitario
Più informazioni:
StatoQuotidiano.it SALUTE

Lo ha dichiarato Marco Cavaleri, il responsabile per la strategia sui vaccini dell’Ema, l’agenzia europea del farmaco.

L’Italia, come altri Paesi, ha fissato i richiami dopo 4 mesi dall’ultima dose.

Secondo l’alto funzionario dell’Agenzia Ue, la somministrazione di booster ogni quattro mesi potrebbe comportare il rischio di sovraccaricare il sistema immunitario delle persone.

I booster “possono essere somministrati una volta, o forse due, ma non è qualcosa che deve essere ripetuto costantemente

“Se la strategia è di somministrare booster ogni quattro mesi, finiremo probabilmente per avere problemi con la risposta immunitaria” della popolazione, ha spiegato. (StatoQuotidiano.it)

Su altri media

WHO Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev agenziavista.it «Sono necessari e andrebbero sviluppati vaccini contro il Covid-19 che abbiano un alto impatto sulla prevenzione dell'infezione e della trasmissione, oltre che sulla prevenzione di malattie severe e morte». (Il Messaggero)

Stando ai dati raccolti, la dose booster avrebbe aumentato di cinque volte i livelli di anticorpi nell’organismo dei riceventi, a una settimana dall’iniezione. Dopo la terza servirà anche una quarta dose? (Wired Italia)

Il Regno Unito ha affermato che i booster stanno fornendo buoni livelli di protezione e al momento non è necessario un secondo richiamo, ma esaminerà i dati man mano che si evolvono. Riservato agli iscritti della newsletter: inviti a eventi, incontri e feste organizzati o promossi da Milano Città Stato. (Milano Città Stato)

Vaccini Covid, Ema: “Quarta dose? Non possiamo continuare a fare booster ogni tre o quattro mesi

leggi anche Allarme Omicron, ecco i farmaci indicati dagli esperti per curarsi in casa. Le alternative al vaccino contro Omicron. Cavaleri ha parlato anche di soluzioni alternative al vaccino contro Omicron. (Money.it)

«Ovviamente quando si tratta di vulnerabili, e persone immunodepresse, è un caso diverso e per loro la quarta dose più essere considerata già da ora», ha aggiunto Cavaleri. La variante Omicron, altamente trasmissibile, è comparsa alla fine dello scorso anno e ora si sta diffondendo velocemente lungo il nostro Continente. (LaC news24)

Ma allo stesso tempo siamo abbastanza preoccupati riguardo una strategia che preveda vaccinazioni ripetute in un lasso di tempo breve. “Come detto nell’introduzione non abbiamo ancora visto i dati sulla quarta dose di vaccino anti-Covid. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr