Google ha rimosso una pericolosa app che veicolava malware: tutti i dettagli

Google ha rimosso una pericolosa app che veicolava malware: tutti i dettagli
TuttoAndroid.net SCIENZA E TECNOLOGIA

CPR ha prontamente informato il team di sicurezza di Google che ha eliminato il malware dal Play Store, ma il team dell’azienda di sicurezza ha stimato almeno 500 download dell’applicazione e chissà quanti messaggi a catena condivisi su WhatsApp.

L’obbiettivo del malware era quello di rubare le credenziali di accesso e le informazioni della carta di credito.

Come sempre vi consigliamo di prestare massima attenzione quando procedete al download di un’applicazione dal Play Store, per non parlare delle promozioni e offerte varie per servizi estremamente popolari (come Netflix, appunto) che non vengono comunicati dai canali ufficiali

Come funzionava il malware. (TuttoAndroid.net)

Ne parlano anche altre fonti

Un nuovo virus camuffato da servizio della popolare app di streaming Netflix si diffonde attraverso WhatsApp. Dopo la segnalazione, Google ha prontamente rimosso l’app dal suo Play Store, ma nel frattempo era già stata scaricata oltre 500 volte. (Libero Tecnologia)

In realtà, l’app prendeva il controllo di WhatsApp, attraverso il quale diffondeva a macchia d’olio un messaggio fraudolento, che invitava l’intera lista contatti a scaricare un pericoloso malware. Sembra Netflix, ma è un pericoloso malware. (Telefonino.net)

E’ pronta a sbarcare su WhatsApp una nuova opzione che entusiasma gran parte dell’utenza. Non si arrestano gli aggiornamenti su WhatsApp, con il colosso della messaggistica istantanea pronto a risolvere il problema del backup con una nuova opzione. (Inews24)

WhatsApp: truffa che ruba gli account in corso, ecco l’allarme della Polizia

Difatti vediamo il metodo semplicissimo per sapere chi ci ha visualizzo lo stato di Whatsapp Con tutti i vari Social Network e le applicazioni a nostra disposizione, ad oggi possiamo sapere come procede la vita di un conoscente che magari non vediamo o sentiamo da anni. (Proiezioni di Borsa)

Secondo quanto riportato esisterebbe un’applicazione di terze parti che potrebbe consentire tutto questo in maniera sia gratuita che legale. Infatti, oltre alle feature implementate da WhatsApp, ci sono alcune applicazioni esterne che in passato sono riusciti a scovare anche i contenuti delle chat. (Tecnoandroid)

Sono fortunatamente per l’applicazione in pochi che nutrono dubbi su WhatsApp. Ad oggi però ci sarebbe una nuova problematica segnalata soprattutto dalla polizia di Stato.l’account delle persone potrebbe essere rubato in fase di autenticazione sull’applicazione desktop WhatsApp Web (Tecnoandroid)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr