Covid Uk, Johnson: “La pandemia non è finita, ma niente lockdown”

Covid Uk, Johnson: “La pandemia non è finita, ma niente lockdown”
Sky Tg24 INTERNO

“Ciò che vogliamo è fare tutto il possibile per proteggere il Paese”, ha detto Johnson a margine di una visita a Leicester

La conferma delle intenzioni di Johnson arriva anche, come riportato da Sky News, da Nadhim Zahawi, super esperto del governo.

Quello che stiamo cercando di fare al momento è di far passare questo virus da pandemico ad endemico attraverso un massiccio programma di vaccinazione”, ha detto. (Sky Tg24 )

Se ne è parlato anche su altri media

Estendere ancora la platea dei vaccinati - giovanissimi inclusi - per evitare anche solo l'ipotesi di un nuovo lockdown nazionale oltre Manica. «Aspettiamo di ascoltare ciò che i chief medical officer hanno da dire: penso stia a loro decidere piuttosto che ai politici», ha glissato in mattinata BoJo incalzato dai giornalisti nel rinviare gli altri dettagli a domani. (leggo.it)

Con l’arrivo della stagione fredda l’Inghilterra ha deciso di seguire una strategia diversa dall’Italia. L’infettivologo Andreoni: «Fare come loro sarebbe un grave errore. La certificazione verde è uno strumento che si basa su dati scientifici» (La Stampa)

Sono le parole del primo ministro britannico Boris Johnson in un briefing in cui ha confermato il via a un piano invernale di contenimento della pandemia fondato sull’offerta della terza dose vaccinale a tutti gli over 50 e di una singola dose fra 12 e 15 anni. (L'HuffPost)

Terza dose di vaccino contro aumento contagi. Regno Unito e Covid: tra messe in guardia e strategie

Sono le misure più importanti annunciate martedì da Boris Johnson, in quella che il suo governo descrive come la "campagna d'inverno" per affrontare la pandemia (la Repubblica)

Lo anticipa la Bbc, indicando che la formalizzazione potrebbe arrivare a sorpresa domani da Boris Johnson, dopo il responso consegnato oggi dai chief medical officer delle 4 nazioni del Regno: più favorevole di quello del Jcvi. (Rai News)

La terza dose ricadrà principalmente sul vaccino Pfizer e Moderna, apparentemente più efficaci quando utilizzati come richiamo, mentre il vaccino AstraZeneca sarà garantito a coloro che non potranno ricevere un vaccino RNA per motivi clinici. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr