Covid-19, via le restrizioni all'accesso Ue per 14 paesi: fuori gli Usa

Covid-19, via le restrizioni all'accesso Ue per 14 paesi: fuori gli Usa
Tiscali.it Tiscali.it (Esteri)

Il Consiglio Ue ha adottato oggi pomeriggio con procedura scritta una "Raccomandazione" agli Stati membri sull'eliminazione graduale delle restrizioni temporanee ai viaggi non essenziali nell'Ue per chi proviene dai paesi terzi di quelle dell'Unione europea elencati in una lista che verrà aggiornata ogni due settimane.

Su altri media

L'Unione europea riapre, da domani primo luglio, le sue frontiere esterne a 15 paesi terzi, tra cui la Cina ma a condizione di reciprocità. Possono, in piena trasparenza, eliminare solo progressivamente le restrizioni di viaggio verso i paesi elencati, precisa la nota. (laRegione)

(askanews) - Per quanto riguarda la situazione epidemiologica, i paesi terzi elencati devono soddisfare a loro volta tre criteri: 1) il numero di nuovi casi di contagio di Covid-19 negli per 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni deve essere vicino o inferiore o alla media Ue (cos com'era il 15 giugno 2020); la tendenza dei nuovi casi nelle ultime due settimane deve essere stabile o decrescente rispetto ai 14 giorni precedenti; la risposta complessiva al Covid-19, deve tener conto delle informazioni disponibili (test, sorveglianza, tracciabilit dei contatti, contenimento, trattamento e rendicontazione), nonch dell'affidabilit delle informazioni e, se necessario, del punteggio medio totale secondo l'indice Ihr ("International Health Regulations") dell'Oms. (Yahoo Finanza)

È così confermata l’assenza degli Usa, oltre che di altri Stati importanti come Brasile, India, Turchia, Israele. Dobbiamo evitare che vengano vanificati i sacrifici degli italiani negli ultimi mesi» ha sottolineato il ministro Speranza. (Avvenire)

Da oggi potranno viaggiare nel territorio dell’Unione Europea i cittadini di 15 Paesi la cui situazione epidemiologica legata al Covid-19 è considerata “sufficientemente sicura”. Gli Stati Uniti, il paese più colpito dalla pandemia con 125.928 morti per quasi 2,6 milioni di casi, sono esclusi dall’elenco, che dovrebbe essere aggiornato ogni due settimane. (Leggo.it)

Il blocco ai cittadini Usa è una scelta clamorosa ma non c’era altra soluzione data l’alta curva di contagi. Cina sì ma solo a determinate condizioni. Le capitali europee hanno dato l’ok per la riapertura dei confini a una lista di 15 Paesi al di fuori della comunità europea. (MeteoWeek)

Uno Stato membro non dovrebbe decidere di revocare le restrizioni di viaggio per i paesi terzi non elencati prima che ciò venga deciso in modo coordinato. L’elenco comprende 15 paesi: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia, Uruguay e la Cina, soggetta alla conferma della reciprocità. (Firenze Post)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr
Commenti