Lite Formigoni-Giletti, l'ex presidente: 'Studi la legge'. Il conduttore: 'Non si nasconda dietro la forma'

Lite Formigoni-Giletti, l'ex presidente: 'Studi la legge'. Il conduttore: 'Non si nasconda dietro la forma'
Altri dettagli:
Video - La Stampa CULTURA E SPETTACOLO

Si parla del vitalizio percepito dall'ex governatore della Lombardia e reintegrato da una decisione del senato "E' una sentenza di magistrati" dice Formigoni.

"Non sono magistrati, sono solo senatori e ve la fate voi la legge".

"Non sono magistrati - replica Giletti - è una sentenza di autodichia" ( La facoltà, di cui godono alcuni organi costituzionali, di decidere autonomamente ed in deroga al principio di separazione dei poteri i ricorsi avanzati dai propri dipendenti ). (Video - La Stampa)

Su altre testate

(LaPresse) – “Siamo perplessi dal fatto che l’Inps non abbia le coperture per pagare gli ultimi due mesi di cassa covid”. Milano, 7 giu. (LaPresse)

Lite in diretta tra l’ex presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, e il conduttore di Non è l’Arena (su La7) Massimo Giletti. “Fin quando c’è la legge, va applicata e rispettata. (Il Fatto Quotidiano)

Advertisement. Che bisogno c’è quindi di farne sentire la ricostruzione innumerevoli volte ai telespettatori? (politicamentecorretto.com)

Brusca libero, Giorgia Meloni: 'Lo scanna cristiani che torna libero e lo Stato gli da la paghetta, un insulto alle vittime'

Poi Massimo Giletti ha parlato delle sue difficoltà: “Vivo sotto scorta e sono stato lasciato solo da tanti colleghi. Massimo Giletti si è soffermato sullo speciale sulla mafia, che sarà trasmesso il 10 giugno su La7: “Ho percorso le strade vicino a Corleone dove è stato arrestato Provenzano. (Caffeina Magazine)

Da quando vive sotto scorta per le minacce ricevute dalla criminalità organizzata, Giletti sa cosa è la solitudine: “Vivo sotto scorta e sono stato lasciato solo da tanti colleghi. Se questa battaglia contro i boss, nel periodo del Covid, l’avessimo fatta in tanti, non sarei entrato nel mirino di Cosa nostra“. (Il Fatto Quotidiano)

Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr