Terremoto 2009, la notte più lunga per L'Aquila

Terremoto 2009, la notte più lunga per L'Aquila
Info Media News INTERNO

Una personalità dalla valenza poliedrica, per anni e anni storica dell’arte della Soprintendenza

Ed è da due anni, che questo rito del dolore e della speranza è stato trasformato, dall’emergenza sanitaria, da cerimonia corale a evento in solitudine.

“Ricordo la paura, sento ancora il dolore, ma vedo la rinascita ogni giorno.

Preghiera che è corresponsabilità, ma anche la forza che permette di affrontare la complessità della vita. (Info Media News)

Su altri giornali

Così abbiamo contribuito a far capire che la prevenzione è l’unico modo serio per salvare l’Italia dal disfacimento anche morale e per onorare quelle vite spezzate, una notte di aprile, 12 anni fa.”. Elisa Cinquepalmi. (la-notizia.net)

Leggi su dire (Di martedì 6 aprile 2021) L’ALA – A dodici anni dal sisma che distrusse gran parte del capoluogo abruzzese, L’Aquila ricorda le sue vittime. (Zazoom Blog)

Quando un trauma, che deriva da una calamità generale, colpisce una ‘popolazione’ viene vissuto in modo frammentato: ciascuno lo porta per conto suo o per aggregati sparsi. Invece, dove c’è Popolo, il dramma è condiviso: vissuto da tutti e da ciascuno in modo diverso, ma universale. (Info Media News)

L'Aquila, il ricordo delle vittime del terremoto di 12 anni fa

Un ricordo particolare viene inoltre dalla FIR (Federazione italiana rugby) Abruzzo con il messaggio “Il rugby come metafora della vita”. Il legame tra la città e il rugby è inscindibile, impossibile da spezzare. (Webmagazine24)

Il bilancio definitivo fu di 309 vittime, oltre 1.600 feriti e oltre 70mila sfollati Era il 6 aprile del 2009 e alle 3:32 a L’Aquila una scossa di magnitudo pari a 6,3 ha sconvolto per sempre la vita di migliaia di persone. (triestecafe.it)

Oggi a L’Aquila il ricordo del terremoto del 2009 e delle sue 309 vittime. Queste le parole del sindaco di L’Aquila Pierluigi Biondi al termine della Santa Messa nella chiesa di Santa Maria del Suffragio in ricordo delle vittime del terremoto. (Metropolitan Magazine )

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr