Covid, Abrignani: «Picco a gennaio, poi la vita normale. Per i vaccinati sarà come l’influenza»

Covid, Abrignani: «Picco a gennaio, poi la vita normale. Per i vaccinati sarà come l’influenza»
Per saperne di più:
Corriere della Sera SALUTE

Gli esperti di modelli di crescita di una’epidemia ci dicono che salirà fino a raggiungere il picco alla fine di gennaio»

Omicron è esplosa a partire dall’ultima decade di dicembre e da allora la curva si è impennata molto rapidamente, giorno dopo giorno.

Al presidente Usa Biden viene suggerita una strategia nuova, orientata a condurre una vita normale col virus anziché tentare di spazzarlo via.

Chi all’inizio della pandemia, nel gennaio 2020, paragonava il Covid all’influenza si è dovuto rimangiare le sue affermazioni. (Corriere della Sera)

Se ne è parlato anche su altre testate

Un livello dunque ben dieci volte inferiore a quello di Covid-19 per quanto riguarda Delta” e tre volte inferiore per Omicron». Perfino un talebano del vaccino come Lopalco parla d’influenza. «”Bisogna intendersi – fa notare l’epidemiologo Pier Luigi Lopalco – sul significato di influenza. (La PekoraNera)

Diverso sarebbe fare una quarta dose di vaccino disegnato contro la variante Omicron. Positività 18.3%. Intanto in Israele stanno già vaccinando con la quarta dose, ma in questo caso Abrignani storce il naso: «Non ha molto senso ripetere una quarta dose a 2-3 mesi dalla terza con un preparato non aggiornato. (Il Sussidiario.net)

Solo per i vaccinati essere contagiati dal Sars-CoV-2 potrebbe essere come prendere l’influenza che infetta ogni inverno milioni di persone, è letale in circa lo 0,1% dei casi ed è pericolosa soprattutto per gli ultra 70enni con patologie croniche importanti". (triestecafe.it)

“Per i vaccinati il covid diventerà come un’influenza”, la previsione dopo il picco di contagi

Sono le parole dell'immunologo dell'università Statale di Milano Sergio Abrignani, membro del Comitato tecnico scientifico, secondo cui «però dobbiamo distinguere tra vaccinati e non vaccinati. No a richiamo ogni pochi mesi. (leggo.it)

“È un numero molto grande, che mostra quanto grave sia la malattia sviluppata a seguito dell’infezione per le persone più anziane. Un livello dunque ben dieci volte inferiore a quello di Covid-19 per quanto riguarda Delta” e tre volte inferiore per Omicron. (l'Immediato)

Per l’immunologo Sergio Abrignani il covid-19 non potrà mai diventare come un raffreddore, ma come un’influenza probabilmente sì. Il bollettino rilasciato ieri dal ministero della Salute ha riportato oltre 196mila nuovi positivi e 313 morti, il picco di decessi nella quarta ondata. (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr