Norvegia, a Kongsberg fiori e candele per le vittime della strage

Corriere TV ESTERI

Decine di persone si sono radunate questo pomeriggio nella piazza principale di Kongsberg, la cittadina dove ieri un uomo armato di arco e frecce ha ucciso cinque persone ferendone altre due.

Fiori, candele e peluche sono stati lasciati nel centro della piazza, dove sono state recitate delle preghiere.

Tuttavia in molti si sono rivolti a centri di assistenza in preda a crisi di ansia e la chiesa ha tenuto le porte aperte per chiunque chiedesse conforto, in particolare i parenti delle vittime

Questa mattina gli abitanti della cittadina di 28 mila abitanti sembravano essere tornati alle loro occupazioni abituali. (Corriere TV)

Ne parlano anche altre testate

Sono quattro donne e un uomo, tra i 50 e i 70 anni, le vittime della strage compiuta a Kongsberg. Le vittime sono state trovate parte in strada e parte all'interno delle abitazioni L'autore dell'attacco è Espen Andersen Brathen, danese di 37 anni. (America Oggi)

"È stato curato dai servizi sanitari giovedì sera a seguito di una valutazione del suo stato di salute", ha detto Ann Iren Svane Mathiassen. Un giudice dovrebbe pronunciarsi oggi sulla custodia cautelare di Brathen, che ha ammesso di aver ucciso cinque persone e ferito altre tre mercoledì a Kongsberg, nel sud est del Paese. (La Nuova Sardegna)

Trentasette anni, madre danese e padre norvegese, da tempo viveva praticamente recluso in casa, senza vedere nessuno, e da almeno quattro anni si era convertito all’Islam. L’attacco è venuto da un 37enne che viveva isolato e che si è convertito all’Islam. (TGNEWS24)

Il 37enne responsabile dell’assalto con arco e frecce in Norvegia è stato consegnato ai servizi sanitari “dopo una valutazione delle sue condizioni”. (Ticinonews.ch)

Secondo il quotidiano Verdens Gang, l’uomo è senza lavoro e da alcuni anni vive da solo in un appartamento a Kongsberg, attorniato da una ristretta cerchia di amici. Il capo della polizia Ole Bredrup Sæverud ha ammesso che il danese aveva suscitato "preoccupazioni per la sua radicalizzazione". (Sputnik Italia)

Le vittime sono state trovate parte in strada e parte all'interno delle abitazioni Uno di loro si era recato da solo al pronto soccorso di Drammen ed è stato già dimesso. (La Nuova Sardegna)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr