Potenza, alunni in dad per protesta: “Rientrare in classe in una tale contingenza è un grande rischio per tut…

Potenza, alunni in dad per protesta: “Rientrare in classe in una tale contingenza è un grande rischio per tut…
Altri dettagli:
La Repubblica INTERNO

I ragazzi dei due istituti non si sono presentati in classe e hanno comunicato ai docenti di essere tutti pronti per seguire le lezioni a distanza.

Così un gruppo di studenti dei licei Scientifici Galileo Galilei e Pasolini di Potenza hanno spiegato la loro rinuncia al rientro in classe previsto per oggi su tutto il territorio regionale.

Auspichiamo vengano colte le nostre ragioni e preoccupazioni e che la nostra richiesta venga ascoltata, compresa e accolta – concludono gli studenti - permettendoci, finalmente, di fare lezione regolarmente”

I docenti, tuttavia, non hanno potuto autonomamente decidere di farci fare lezione in questa modalità senza autorizzazioni e siamo risultati assenti”. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altre testate

Se per le prime medie della Verga abbiamo avuto 35 presenti su 370, all'elementare San Francesco vi sono stati due terzi di alunni in presenza e un terzo in ddi. Diverso il discorso per i più piccoli, la cui maggior parte è tornata in aula. (BariToday)

Viterbo - Claudia Prosperoni (Ds Ellera): "Tornare in classe è una conquista, gli alunni sono felicissimi" - Oggi il ritorno in aula anche per i più piccoli. di Daniele Camilli. Condividi la notizia:. . (Tuscia Web)

"Mia figlia resta a casa, non c'è istruzione senza salute" lo slogan lanciato dall'amministratrice. A Foggia due gruppi "si contendono" il diritto di scelta sulla scuola per i propri figli. (FoggiaToday)

Ventinove docenti in isolamento, chiude il plesso "Verona Trento"

Con i bimbi "in fibrillazione fin dalla sera prima", racconta un papà con due pargole tra l’ultimo anno di materna e la terza elementare. Per questo "occorre proseguire l’impegno del mondo adulto che fa scuola e in misura accresciuta di quello esterno, a costruire con costanza e responsabilità spazi di relazionalità paziente (il Resto del Carlino)

"Nessuno di loro è stato escluso dalla scuola in presenza", le ha risposto la direttrice dell'Usr. Molte scuole - ha aggiunto la dirigente - considerano la didattica digitale integrata come un'alternativa importante alla didattica in sola presenza, perché ha consentito il potenziamento delle dotazioni tecnologiche e spinto i docenti a innovare le metodologie. (Il Friuli)

"Verificata l’impossibilità di garantire a tutte le classi del plesso Verona-Trento le necessarie coperture determina che a partire dal giorno 08/04/2021 le attività didattiche del plesso si svolgano in DAD nel rispetto dell’orario vigente delle lezioni, come da piano di DDI", si legge. (MessinaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr