Switch off, così cambia la tv dal 20 ottobre

Il Capoluogo ECONOMIA

La Rai ha deciso di trasmettere in Mpeg4 solamente i canali specialistici (Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai YoYo, Rai Sport+ HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola), mentre quelli generalisti resteranno visibili in Mpeg2.

Switch off: come funziona. Lo switch off del segnale inizia il 20 ottobre con una prima fase, nella quale le scelte sono lasciate alle singole emittenti.

Se si riesce a vedere almeno un canale HD, non sarà necessario cambiare la propria tv fino al 2023

Per molti italiani è giunto il tempo di verificare la compatibilità del proprio televisore: ma c’è ancora la possibilità di usufruire del bonus tv. (Il Capoluogo)

La notizia riportata su altri giornali

Verrà mantenuta l'attuale quantità di canali, ma saranno trasmessi in HD nel formato Mpeg-4, diverso rispetto all'attuale formato Mpeg-2. Nel caso contrario, la schermata apparirà nera o dunque incapace di sintonizzarsi: ciò significa che il televisore non è compatibile con il formato Mpeg-4 (Tech Fanpage)

E anche in tal caso si può fare affidamento a dei canali test Canali test per la nostra TV, così si comprende se supporta o meno il digitale terrestre. (Informazione Oggi)

Stampa. Da oggi, 20 ottobre, inizia il passaggio al nuovo digitale terrestre, con il trasferimento di alcuni canali in HD. Si tratta di Rai 4, Rai 5, Rai Movie, Rai Yoyo, Rai Sport + HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola. (Salernonotizie.it)

Sicuramente a farne le spese saranno le tv locali che col tempo perderanno sempre più qualità fino a sparire del tutto. Parte oggi lo switch off del digitale terrestre che, entro il 2023, porterà al totale cambiamento di ricezione dei canali. (leggo.it)

Non perdere l’occasione di preparare la tua TV al nuovo digitale DVB T2 con questo decoder Samsung. Una scelta corretta, che adesso puoi fare strizzando l’occhio al prezzo: il decoder Samsung, perfetto per il nuovo digitale DVB T2, lo porti a casa a 42€ circa appena da eBay con spedizioni rapide e gratis (Telefonino.net)

A tal fine è richiesto di presentare un apposito modulo di autodichiarazione da scaricare dopo lo smaltimento del vecchio apparecchio Sarà, dunque, una sorta di test per il momento in cui toccherà spegnere le vecchie tv definitivamente e accendere nuovi modelli smart. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr