Guida Michelin 2022, solo conferme per Bologna e provincia

Guida Michelin 2022, solo conferme per Bologna e provincia
Il Resto del Carlino CULTURA E SPETTACOLO

Dobbiamo ancora una volta rassegnarci a essere una provincia minore della gastronomia italiana, nonostante la nostra storia, nonostante la nostra cucina

Bologna, 24 novembre 2021 - Siamo ormai abituati agli schiaffoni della guida Michelin, ma il risultato che esce dall’edizione 2022 della guida rossa, presentata ieri in Franciacorta, è tra i più malinconici degli ultimi anni.

E l’ennesima delusione per Max Poggi, probabilmente il migliore cuoco di Bologna, da anni candidato a furor di popolo a una stella che non arriva mai. (Il Resto del Carlino)

Ne parlano anche altre fonti

I giovani guidano la scalata: sedici chef, tra le nuove stelle, hanno 35 anni o meno, cinque sono under 30. Rimangono 11 i tre Stelle, tutti confermati. (Leggo.it)

ella classifica per regioni, la Lombardia resta al comando, ma è della Campania il record di novità (ben 8), scavalcando il Piemonte. Ma la città più dinamica (soprattutto nel bene ma in parte, hainoi, anche nel male) è Venezia che in un colpo solo vede accendersi tre nuove stelle e, al tempo stesso, ne perde due: lo storico Fiore, fino a ieri la più longeva stella della città, e il Ridotto. (Il Gazzettino)

Assegnate due nuove Stelle Michelin in Calabria, una delle due nel cosentino. Biafora (San Giovanni in Fiore) e Lepore (Lamezia Terme) si aggiungono ai 5 riconfermati dalla scorsa edizione: Abbruzzino, Dattilo, Pietramare, Gambero Rosso e Qafiz. (Cosenza 2.0)

Le 33 stelle nel cielo Michelin. Ecco i migliori chef italiani

Riconferma per Napolitano: gli obbiettivi per i prossimi tre anni di un settore in crescita. È stato confermato alla presidenza di Faita Federcamping Sardegna, Nicola Napolitano, 53 anni, titolare del camping Flumendosa di Pula. (Sardegna Reporter)

I nuovi ingressi, in questo campo, sono stati diciassette, e purtroppo non possiamo vantare alcun ristorante versiliese in questo ristretto circolo di virtuosi. Il ristorante più amato dalla guida Michelin rimane dunque ’Il Piccolo Principe’ di Viareggio, che conferma le due stelle Michelin. (La Nazione)

Anzi, le nuove stelle sono 34, ma Giuseppe Solofra, chef dei Tre Olivi di Paestum zompa da zero a due nel tempo di un amen. (il Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr