Draghi: “Italia e Francia condividono molto più dei confini”

Draghi: “Italia e Francia condividono molto più dei confini”
Il Fatto Quotidiano INTERNO

Che conclude: “Ogni giorno questi rapporti si arricchiscono di nuove esperienze di formazione, di lavoro, di vita”

“Italia e Francia condividono molto più di confini.

Draghi nel discorso cita i “padri politici” dei valori di Francia e Italia, e cioè “Jean Monnet e Robert Schuman, Altiero Spinelli e Alcide De Gasperi”.

La nostra storia, la nostra arte, le nostre economie e le nostre società si intrecciano da tempo immemore”. (Il Fatto Quotidiano)

La notizia riportata su altri media

Alla cerimonia erano presenti componenti del Governo italiano e francese e altre autorità dei due Paesi". L'intesa è stata salutata dall'applauso delle delegazioni governative dei due Paesi. (Adnkronos)

Le molte misure previste per rafforzare la cooperazione e stimolare iniziative comuni sono un investimento nel comune futuro di Italia e Francia”. E una maggiore centralità di Italia e Francia rafforza l’intera Unione Europea in una fase di transizione storica”. (Il Fatto Quotidiano)

Se da Londra segnalano opportunità e rischi sul tema della nuova partnership italo-francese che viene definita a Roma, l’attenzione è alta soprattutto in Germania. Mario Draghi ed Emmanuel Macron sono considerati ormai i leader in pectore di questa Unione europea orfana di Angela Merkel. (InsideOver)

Trattato del Quirinale: Draghi e Macron siglano l'intesa

Ansa. COMMENTA E CONDIVIDI. . . . . . . Il premier Mario Draghi e il presidente francese Emmanuel Macron hanno firmato il Trattato del Quirinale alla presenza del Capo dello Stato Sergio Mattarella nel corso della cerimonia svoltasi al Colle. (Avvenire.it)

Ne trae slancio la voglia di «autonomia strategica», ma senza danneggiare la Nato e senza dire come. Il Covid spacca l’Unione europea tra Est e Ovest e tra Nord e Sud, mettendo a rischio la ripresa economica. (Corriere della Sera)

Tra le ipotesi, quella della partecipazione di uno o più ministri di uno dei due Paesi alle riunioni di governo dell'altro, come già avviene tra Francia e Germania. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr