METEO, imminente nuovo MALTEMPO. Dai TEMPORALI alla NEVE a bassa quota

METEO, imminente nuovo MALTEMPO. Dai TEMPORALI alla NEVE a bassa quota
Meteo Giornale INTERNO

Fenomeni violenti, anche sotto forma di nubifragio, saranno possibili dapprima sulle regioni tirreniche ed in Sicilia, poi anche su parte del Sud Peninsulare.

Non mancheranno rovesci anche forti lungo tutta la fascia tirrenica e la parte occidentale della Sardegna.

Continuano le turbolenze meteo sul Mediterraneo, con l’Italia che risente ancora in parte degli effetti di una circolazione instabile. (Meteo Giornale)

Se ne è parlato anche su altri giornali

L’attuale scenario ancora autunnale evolverà verso un meteo dalle caratteristiche decisamente invernali alla fine della settimana. Ben diversa sarà la situazione a cui andremo incontro con il successivo impulso d’aria fredda artica atteso nel fine settimana. (Meteo Giornale)

Quindi a breve una perturbazione avanzerà verso l’Italia, raggiungendo la penisola anche durante le ore serali di questo mercoledì. Mentre fenomeni più intensi colpiranno le regioni tirreniche. (Inews24)

I modelli serali, anzi, oltre a confermare rincarano leggermente anche la dose in termini di affondo perturbato e di apporto freddo associato. L’instabilità a carattere freddo interesserebbe poco il resto del Nord, poco anche la Puglia, la Calabria ionica, l’Est della Sardegna e la Sicilia orientale (Meteo Web)

In Europa l’inverno anticipa: gelo e botta artica previsti in Italia per fine novembre

“Possibile forte maltempo nella giornata di giovedì. Temporali anche molto intensi risaliranno dal Canale di Sicilia verso l’omonima isola, coinvolgendo soprattutto la costa meridionale. (ragusah24.it)

Questo fine settimana e l’inizio della prossima saranno quindi caratterizzati da tempo particolarmente instabile su tutta l’Italia e si respirerà aria tipicamente invernale. (Meteo in Calabria)

Entro la fine del mese di novembre, in particolare nella terza e ultima decade del mese, le temperature potrebbero abbassarsi drasticamente arrivando a livelli da pieno gennaio, in Italia così come nel resto d’Europa. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr