Sorpresa agli scavi di Pompei: trovata una tartaruga di 2mila anni fa!

Sorpresa agli scavi di Pompei: trovata una tartaruga di 2mila anni fa!
Tuttosport INTERNO

Una scoperta "che apre una finestra sugli ultimi anni della città", ha detto il direttore Zuchtriegel

Gli archeologi l'hanno trovata sotto il pavimento di una bottega dove si sta indagando sui resti di una casa rasa al suolo dopo il terremoto del 62 d.C. Un ritrovamento che racconta una piccola storia biologica dimenticata e riportata alla luce dopo duemila anni.

Agli scavi di Pompei è stato trovato un piccolo rettile, con la testa intatta come la coda e una delle zampette. (Tuttosport)

La notizia riportata su altre testate

Il reperto è stato trasferito al Laboratorio di Ricerche Applicate del Parco dove sarà studiato e analizzato dall'archeozoologa del Parco. La testuggine aggiunge un tassello a questo mosaico di relazioni tra cultura e natura, comunità e ambiente che rappresentano la storia dell'antica Pompei. (Il Vescovado Costa di Amalfi)

I resti della testuggine si trovano a mezzo metro di profondità sotto il pavimento di una bottega sita in via dell’Abbondanza. tartaruga. A Pompei gli archeologi hanno fatto l’ennesima straordinaria scoperta: è stata ritrovata una tartaruga di terra vissuta 2.000 anni fa ancora intatta, assieme al suo uovo, mai deposto. (Yahoo Notizie)

Il carapace rinvenuto in condizioni quasi perfette presentava, ancora in uno stato intonso, sia la testa, che la coda e solo una delle quattro zampe. Questo è quello che è emerso dagli scavi effettuati a Pompei nelle scorse settimane. (Nanopress)

Scavi di Pompei, spunta una tartaruga di terra col suo uovo: intatta dopo duemila anni

Il reperto è stato trasferito al Laboratorio di Ricerche Applicate del Parco dove sarà studiato e analizzato dall’archeozoologa del Parco. Non è il primo ritrovamento di testuggini a Pompei, ma solitamente sono state rinvenute all’interno di giardini o aree interne a ricche domus, come ad esempio la casa di Giulio Polibio. (Cronache Campania)

Trumper e Giglio non hanno dubbi: "Qui si costruiva senza sosta e si guardava con fiducia al futuro Una pratica molto diffusa nel mondo romano, sottolinea Giglio, ma che a Pompei è stato possibile indagare poco. (Trentino)

Una pratica molto diffusa nel mondo romano, sottolinea Giglio, ma che a Pompei è stato possibile indagare poco. Nessuno davvero aveva idea della catastrofe che di lì a poco sarebbe arrivata su Pompei» (ilmattino.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr