Covid, Bassetti: "Spiace che Cts e ministero non ascoltino medici sul campo"

Covid, Bassetti: Spiace che Cts e ministero non ascoltino medici sul campo
Adnkronos SALUTE

Non perché io non volessi il bollettino giornaliero - precisa - ma perché si voleva fare un bollettino più ordinato.

"Dispiace che Cts e ministero della Salute non abbiano voluto recepire alcuni consigli che venivano dal campo", da alcuni dei medici in prima linea nella lotta al Covid-19.

"Il secondo punto - aggiunge Bassetti - è che continueremo ad avere questo bollettino giornaliero che non serve a nessuno. (Adnkronos)

Ne parlano anche altre fonti

E pone la domanda cruciale: «Molti Paesi stanno razionalizzando la possibilità di tornare a una nuova normalità con meno restrizioni (…) Ma ci proveranno ancora…. . Tutto in nome della “esigenza di normalità” mentre siamo in piena quarta ondata, con 8 milioni di contagiati e 140.000 decessi. (Contropiano)

Umiliazione per Matteo Bassetti, un attacco impensabile: ecco chi lo stronca. Ma è ben contento che sua mamma - che ha preso il Covid - si fosse vaccinata: "Per mia madre sì", perché "mi ripeteva che senza vaccino sarebbe morta. (Liberoquotidiano.it)

E l'intervento di Bassetti a Dritto e Rovescio, pur puntando il dito in modo netto conto i no-vax, va esattamente in questa direzione. Lo stesso Bassetti che va chiedendo da giorni la revisione del bollettino, sia per quel che riguarda le cifre sia per le modalità e i tempi con cui viene divulgato. (Liberoquotidiano.it)

Perché in molti propongono di alterare i dati sui contagi da Covid?

14 gennaio 2022 a. a. a. Matteo Bassetti ancora contro il bollettino. Ma non finisce qui, perché Bassetti insiste anche sulla definizione del "caso Covid", ossia colui che ha un tampone negativo, segni radiologici di polmonite e segni e sintomi. (Liberoquotidiano.it)

"L'Ema ha detto che fare troppi booster in qualche modo fa male? E se Bassetti è d'accordo sul fare un booster ogni sei mesi, un altro dei dubbi su cui si dibatte è quando sia corretto fare la terza o la dose seguente di vaccino anti-covid 19 se si è stati malati. (Primocanale)

E ancora: il Comitato tecnico-scientifico sarebbe favorevole alla diffusione dei dati sui contagi Covid non più giornalmente, ma settimanalmente. A dire di molti esperti, ormai la variante Omicron rischia di contagiare mezza Nazione da qui a poche settimane. (InvestireOggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr