Borsa: Europa frena in scia a Ws, dato su inflazione Usa non basta a dare fiducia

Borsa: Europa frena in scia a Ws, dato su inflazione Usa non basta a dare fiducia
Borsa Italiana ECONOMIA

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno.

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi

Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute.

(Borsa Italiana)

Se ne è parlato anche su altre testate

Nell'estrattivo titoli in rosso, a cominciare da Anglo American (-2,6%), nell'acciaio, dove si registrano perdite, picco in basso per Evraz (-3%) Bene anche molti petroliferi, tra cui Lundin (+4,3%) e Polski Koncern (+3,8%), col greggio che sale (wti +0,6%) a 70,8 dollari al barile. (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Nel dettaglio l'incremento mensile e' stato dello 0,3%, contro attese per un +0,4%, quello annuo del 5,3%, contro attese rispettivamente del 5,4%. D'altra parte gli investitori preferiscono essere prudenti e attendere l'annuncio ufficiale del Fomc, che si riunira' martedi' e mercoledi' prossimi. (Borsa Italiana)

Sul mercato valutario, l'euro vale 1,182 dollari (da 1,1821 ieri sera) e 129,63 yen (da 129,88). Sono inoltre andate bene le Amplifon (+3,2%), dopo il calo della vigilia, mentre hanno battuto la fiacca le banche. (Borsa Italiana)

L'inflazione Usa ferma la corsa. Ma la Fed non cambierà rotta

A livello mensile il dato core è salito dello 0,1%, meno del +0,3% stimato, dopo il +0,3% di luglio e al minimo dal febbraio scorso Escluse le componenti più volatili rappresentate dai prezzi dei beni energetici e alimentari, l'indice dei prezzi al consumo core è salito del 4% su base annua, meno del +4,2% atteso e meno anche del +4,3% di luglio. (Yahoo Finanza)

Su base mensile l’aumento è dello 0.3%, un decimo in meno delle attese e due in meno rispetto a luglio Nel mese di agosto le nuove assunzioni del settore privato sono state 241 mila, cifra record. (Ekonomia.it)

Il dato del mese scorso dell'inflazione mette probabilmente meno pressione alla Fed, ma non ne cambierà la rotta e non indurrà le colombe a pretendere di temporeggiare ancora prima di avviare il processo di normalizzazione C'è chi, come il pool di economisti di Pantheon Macro, ha già fatto saltare i tappi di champagne. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr