Paure e tormenti del boss Calvaruso: "Non dorme da giorni, va in giro con occhiali e fasciacollo"

Paure e tormenti del boss Calvaruso: Non dorme da giorni, va in giro con occhiali e fasciacollo
PalermoToday INTERNO

Calamari e agnello per il boss Cancemi. Il 9 novembre del 2019, Caruso chiamava un nipote di Cancemi e gli chideva: "Un'informazione, i calamari puliti oppure interi?

Calvaruso veniva addirittura deriso: "Lo devi vedere, cappello, fasciacollo, occhiali. ti dico, mi, con le lacrime, io con le lacrime.

Ecco che il boss avrebbe iniziato ad andare in giro con occhiali e fasciacollo per non farsi riconoscere, diventando anche lo zimbello di qualche affiliato. (PalermoToday)

Su altre testate

I carabinieri del comando provinciale, nel corso dell’operazione Brevis, lo hanno fermato mentre era con la sua famiglia per festeggiare la Pasqua. Per i carabinieri, Calvaruso sarebbe diventato il reggente del “mandamento” mafioso di Pagliarelli dopo l’arresto del boss Settimo Mineo, finito in cella due anni fa. (ZMedia)

È il colonnello Mauro Carrozzo, comandante del reparto operativo del Comando provinciale, a tracciare l'identikit di Giuseppe Calvaruso, ritenuto capo del mandamento mafioso di Pagliarelli. È lui - ricostruisci Mariella Pagliaro sul Giornale di Sicilia in edicola -, che assieme ai suoi uomini, lo ha atteso all’aeroporto Falcone-Borsellino per arrestarlo. (Giornale di Sicilia)

Il capo mandamento era socio occulto del ristorante Carlo V in piazza Bologni a Palermo. Giuseppe Calvaruso, il reggente del mandamento Pagliarelli di Palermo, investito sul campo dell’ex capo Settimo Mineo arrestato nell’operazione Cupola 2.0 è stato fermato all’aeroporto di Palermo Falcone Borsellino appena sceso dall’aereo. (BlogSicilia.it)

Cristo risorge, parte della società affonda: quei favori chiesti ai boss

Queste indagini ricordano, ancora una volta, che la mafia non governa più Palermo ma tenta sempre di tornare a infiltrarsi nella vita della città” “L’operazione antimafia Brevis, condotta dal comando provinciale dei Carabinieri di Palermo, grazie alla quale è stato colpito il mandamento mafioso di Pagliarelli, conferma l’impegno senza sosta delle forze dell’ordine e della magistratura nel contrasto a Cosa Nostra e a tutti i tentativi di riorganizzazione criminale, attraverso un perverso rapporto tra controllo del territorio e collegamenti delinquenziali internazionali”. (Live Sicilia)

Da tempo si era stabilito in Brasile, dove gestiva attività finanziarie legate a Cosa Nostra. Così i carabinieri del nucleo investigativo di Palermo sono riusciti ad arrestare Giuseppe Calvaruso, boss mafioso ritenuto capo mandamento di Pagliarelli. (Il Fatto Quotidiano)

Cosa Nostra è indebolita come non mai, eppure resiste grazie a una mentalità che seppure non sorprende lascia ugualmente sgomenti. Ad ogni operazione viene fuori il lato maleodorante di una città dove la mafia conferma il suo ruolo di anti Stato. (Live Sicilia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr