Il tandem Letta-Calenda sbaraglia la sinistra e punisce Renzi

Il Riformista INTERNO

Poi c’è la questione Italia Viva

La risposta ha superato ogni previsione: il tandem Letta-Calenda sembra ancorare il Pd su posizioni assai più moderate rispetto a quelle dello stesso Macron.

Il patto siglato ieri mattina tra Enrico Letta e Carlo Calenda imprime una secca sterzata a destra alla linea politica del Pd.

Tanto che già ieri diversi giornali non parlavano più di Letta e basta, ma del tandem Letta-Calenda. (Il Riformista)

Su altri media

E non può ancora presentare un programma elettorale perché Letta ha tante gatte da pelare nel suo ex “campo largo”. Il ritornello della sinistra sulla presunta irresponsabilità del centrodestra nel far cadere il Governo Draghi non accenna a scemare. (La Nuova Bussola Quotidiana)

Certo, un minuto dopo l’apertura delle urne hanno ripreso a litigare come e peggio di prima, ma solo a risultato raggiunto, buono o cattivo che fosse. (L'Eco di Bergamo)

È riuscito a mettere in piedi la sua coalizione Ogni dettaglio può significare qualcosa, ma anche il suo opposto. (la Repubblica)

«Il fronte unico contro il pericolo fascista? Sarebbe un errore molto grave»

Per superarlo serve tempo. In politica riconoscere la propria diversità rispetto agli altri è molto più facile che individuarne le somiglianze. (la Repubblica)

Un quadro esaltante per chi sogna Giorgia Meloni a Palazzo Chigi e Matteo Salvini al Viminale. Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su Elezioni politiche del 2022 in Italia ATTIVA GLI AGGIORNAMENTI. (Fanpage.it)

Per 30 anni c’è stato uno slittamento che noi vediamo a monte e non a valle. Altro esempio, l’impatto delle confische o delle interdittive sono dotati di un’afflittività molto superiore alle stesse pene (Tempi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr