Superlega, nulla di fatto per i ribelli? Si può chiudere con una semplice multa

Superlega, nulla di fatto per i ribelli? Si può chiudere con una semplice multa
Tutto Napoli SPORT

Negli ultimi giorni però, qualcosa è cambiato e si fa strada la possibilità che la Federazione accolga i resistenti ripartendo dalla stessa sanzione dei 9 che si sono già pentiti.

A Nyon vogliono evitare la paralisi legale e anche Juventus, Real Madrid e Barcellona ora sembrano intenzionate a dialogare, magari con l'intento di iniziare un percorso comune di riforma della Champions.

A riportarlo è La Gazzetta dello Sport

Anche i top club. (Tutto Napoli)

Su altri giornali

Un impegno certificato anzitutto dal fatto che sia stato tra i primi a twittare il suo dissenso rispetto al progetto, e dalle indiscrezioni che arrivano da The Telegraph: nella giornata di ieri, lo stesso William e il presidente UEFA, Aleksander Ceferin, sarebbero stati protagonisti di una lunga telefonata privata, nella quale il numero uno del calcio europeo avrebbe ringraziato il principe Nello specifico, in persona di William, Duca di Cambridge e figlio di Carlo, secondo in linea di successione al trono del Regno Unito. (TUTTO mercato WEB)

Bisognerà aspettare l’evolversi delle vicende giudiziarie, per capire se Juventus, Real Madrid e Barcellona si aggregheranno ai pentiti (con annessa multa) oppure se la battaglia andrà avanti ad oltranza Il piano strategico della UEFA rimane lo stesso: se i club vogliono giocare la Superlega, lo facciano pure, ma senza chiedere ospitalità alla Champions League. (Calcio e Finanza)

Qualora, entro due settimane, la Corte di Lussemburgo respingesse il ricorso spagnolo, la battaglia per la Superlega sarebbe persa. L'Uefa ha congelato il procedimento, così come il giudice di Madrid, rivoltosi all'Uefa. (Calciomercato.com)

Superlega, sei mesi per il dialogo con la Uefa

Si tratta della vittoria di una battaglia ma non della guerra: altri provvedimenti, infatti, potranno essere presi nei mesi a seguire. Tuttosport però non ha dubbi: il grande sconfitto della giornata di ieri è Ceferin, che sperava nell’esclusione dalla Champions League dei tre club che non si sono pentiti della costituzione della nuova competizione europea. (Samp News 24)

Si tratta della vittoria di una battaglia ma non della guerra: altri provvedimenti, infatti, potranno essere presi nei mesi a seguire. (Calcio News 24)

questo punto ci sono sei mesi di tempo per trovare un accordo o un compromesso fra la Super League e l’Uefa. Oppure no, l’Uefa potrebbe salvarsi: ma potrebbe davvero pensare di mantenere un rapporto ostile con Juve, Real e Barcellona? (Tuttosport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr