UniCredit: Orcel, spinto al massimo per trovare soluzione su Mps - Il Sole 24 ORE

Il Sole 24 ORE ECONOMIA

Andrea Orcel nella lettera inviata ai dipendenti per commentare lo stop alle trattative con il Mef su Mps.

'Dopo essere stati contattati dal governo, ad agosto abbiamo incominciato la trattativa con grande spirito di apertura e con l'obiettivo di analizzare e cogliere tutte le opportunita' per la creazione di sinergie tra UniCredit e Mps - ricostruisce Orcel -.

'E' nostro dovere identificare opportunita' che siano in linea con la nostra strategia e che rappresentino la cosa giusta per UniCredit - conclude -

UniCredit: Orcel, spinto al massimo per trovare soluzione su Mps. (Il Sole 24 ORE)

Se ne è parlato anche su altri giornali

"MPS, LA TRATTATIVA TRA TESORO E UNICREDIT È FALLITA". News inserita il 25-10-2021. È evidente che i criteri irrinunciabili posti da Orcel si siano rivelati, come avevamo previsto, inaccettabili in quanto avrebbero comportato di fatto, una vera e propria svendita (ovvero, un regalo) della Banca più antica del Mondo. (oksiena.it)

Secondo il giornale potrebbe essere predisposto anche un ricambio del vertice, con la possibile uscita dell’attuale Ceo, Guido Bastianini. In particolare, per Banco Bpm, aggiunge il giornale, un’operazione con Mps permetterebbe di rafforzare la crescita come terzo polo bancario italiano e di mettersi al riparo da offerte ostili, tra cui potenzialmente quella della stessa. (Il Cittadino on line)

Mps sotto pressione a Piazza Affari dopo l’interruzione delle trattative tra UniCredit e il Tesoro per la potenziale acquisizione di un perimetro in capo alla banca senese. Inoltre, sempre secondo indiscrezioni di stampa, non sarebbe stata trovata la quadra sui potenziali esuberi, stimati in circa 7 mila. (Il Cittadino on line)

Roma ha salvato la banca in difficoltà nel 2017 e oggi possiede una quota del 64% nella banca. Dopo tre mesi di trattative, il governo italiano e il management di UniCredit hanno annunciato domenica che la banca non avrebbe acquisito il Monte dei Paschi. (TGcomnews24)

Nel pomeriggio Mps aveva ridotto notevolmente le perdite, arretrando alle 14.07 di poco più dell’1%, a 1,058 euro, dopo che, all’inizio della sessione, era affondato di oltre il 7,5%. Ma con il tonfo di Mps, la seduta per la banca guidata da Andrea Orcel era iniziata cedendo il 2,95% a 11,192 euro. (LaPresse)

È per questo che, a partire da ieri (domenica 24 ottobre, ndr), interrompiamo ufficialmente il coinvolgimento di Unicredit in questa operazione»: lo afferma l'a.d. Andrea Orcel, in una lettera ai (Italia Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr