Boss di mafia rientra in Italia per pranzo Pasqua, arrestato

Boss di mafia rientra in Italia per pranzo Pasqua, arrestato
ZMedia INTERNO

Emerge dall’inchiesta della dda di Palermo che oggi ha portato al fermo di boss e gregari della famiglia mafiosa di Pagliarelli.

I carabinieri del comando provinciale, nel corso dell’operazione Brevis, lo hanno fermato mentre era con la sua famiglia per festeggiare la Pasqua.

Per i carabinieri, Calvaruso sarebbe diventato il reggente del “mandamento” mafioso di Pagliarelli dopo l’arresto del boss Settimo Mineo, finito in cella due anni fa. (ZMedia)

Su altre testate

I militari parlano di “notevole abitudine imprenditoriale del capo mandamento” che andava a caccia di flussi di capitali provenienti da investitori esteri. Giuseppe Calvaruso, il reggente del mandamento Pagliarelli di Palermo, investito sul campo dell’ex capo Settimo Mineo arrestato nell’operazione Cupola 2.0 è stato fermato all’aeroporto di Palermo Falcone Borsellino appena sceso dall’aereo. (BlogSicilia.it)

Attraverso una rete di prestanome […] Così i carabinieri del nucleo investigativo di Palermo sono riusciti ad arrestare Giuseppe Calvaruso, boss mafioso ritenuto capo mandamento di Pagliarelli. (Il Fatto Quotidiano)

Nessuna azione criminale senza autorizzazione del boss era tollerata, nessuna attività commerciale o artigianale apriva senza l’ok di Cosa nostra Giuseppe Calvaruso è stato fermato dai carabinieri mentre scendeva con la scala mobile al piano terra dell’aeroporto Falcone e Borsellino di Palermo (Il Riformista)

Palermo, custodivano le armi per rapinatori: sette arresti

Emerge dall’inchiesta della dda di Palermo che oggi ha portato al fermo di boss e gregari della famiglia mafiosa di Pagliarelli. In Brasile da tempo Calvaruso da qualche tempo si era trasferito in Brasile – come lo storico boss poi collaboratore di giustizia Tommaso Buscetta - delegando ai fedelissimi la gestione degli affari dei clan. (Corriere della Sera)

A tradirlo è stato il pranzo di Pasqua visto che il 44enne è stato fermato subito dopo il suo arrivo dal Brasile da dove era rientrato per festeggiare le festività pasquali. Per i cinque le accuse sono di associazione mafiosa, estorsione, lesioni personali, sequestro di persona e intestazione fittizia di beni (Il Messaggero)

Scoperta anche piantagione di marijuana. Custodivano un arsenale nella casa di campagna in cui vivevano nel quartiere Borgonuovo a Palermo. Oltre alle armi, un fucile semiautomatico Beretta e quattro pistole, i carabinieri hanno scoperto nella porcilaia della casa una piantagione di marijuana coltivata grazie a speciali lampade collegate abusivamente alla rete elettrica (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr