Conto corrente, arriva il questionario del Fisco: l’incubo che vivranno in molti

Conto corrente, arriva il questionario del Fisco: l’incubo che vivranno in molti
ContoCorrenteOnline.it ECONOMIA

In caso contrario si rischia di dover fare i conti con multe che vanno da 250 euro a 2 mila euro per le persone fisiche.

Ne è una chiara dimostrazione il questionario del Fisco che a breve verrà inviato a molti correntisti e attraverso il quale la Guardia di Finanza potrà effettuare nuovi controlli su determinati tipi di conti correnti.

In arrivo il questionario del Fisco per molti correntisti che rischiano di dover fare i conti con delle sanzioni particolarmente pesanti. (ContoCorrenteOnline.it)

Ne parlano anche altre fonti

Andiamo a scoprire quali sono le modalità, le esenzioni e tutto quello che c’è da sapere sulle tasse legate al conto corrente. Ecco quali conviene acquistare. . Conto corrente: attenzione se possiedi questa cifra. (Consumatore.com)

Attenzione a questi movimenti sul conto corrente perché potrebbero indicare un problema in famiglia. Come accorgersi che un nostro familiare è ormai un giocatore patologico? La convenienza del conto cointestato è sicuramente quella di conoscere tutti i movimenti, mediante gli estratti conto (Proiezioni di Borsa)

Parliamo dell’obbligo per gli istituti bancari di permettere l’apertura di un conto corrente base, a condizioni agevolate. Leggi anche > > > Pensione, quali sono le malattie riconosciute dall’Inps: l’assegno mensile. (ContoCorrenteOnline.it)

Si intesta i conti correnti dell'anziana cugina e le sottrae 280.000 euro

Con differenza fra banche online e tradizionali L’incremento è stato più contenuto per gli istituti tradizionali, dove l’aumento si è fermato allo 0,32 per cento. (Il Fatto Quotidiano)

Allo stesso tempo cointestare un conto può essere visto come una forma di donazione indiretta, in quanto metà della giacenza finisce appunto per essere donata all’altro intestatario del conto (ContoCorrenteOnline.it)

Al centro della vicenda una donna di 61 anni, rinviata a giudizio per fatti risalenti al 2017. Una volta ottenuta la doppia firma, la 61enne avrebbe disposto un prelievo 30.000 euro dal conto corrente dell’anziana al suo, e due mesi dopo avrebbe replicato l’operazione. (RomaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr