M5S, il partito di Conte e i suoi limiti

M5S, il partito di Conte e i suoi limiti
La Repubblica INTERNO

Il che senza dubbio è vero, tuttavia va detto che il movimento dei Cinque Stelle è sfilacciato al punto che il generale, se si volta indietro, non riesce più a vedere dove sia l'esercito

Si è detto che l'avvocato pugliese, una volta privato della cornice istituzionale che faceva brillare la sua immagine, ha mostrato tutti i suoi limiti politici e di comunicatore.

Il ritorno in tv di Giuseppe Conte è stato commentato per lo più in modo negativo. (La Repubblica)

Se ne è parlato anche su altri media

E tra questi c'è proprio il fondatore, Beppe Grillo, che a quanto filtra nel suo incontro in villa con Conte avrebbe posto un veto sulla cancellazione del vincolo. Ospite della trasmissione Dimartedì su La7, l'ex premier ha spiegato che la questione non sarà affrontata nel nuovo Statuto (che entro la fine di giugno sarà sottoposto al voto degli iscritti sulla nuova piattaforma web). (ilGiornale.it)

Quel che è certo è che il fondatore M5s avrebbe ribadito il suo no al superamento del vincolo del doppio mandato. La presentazione del nuovo Statuto e della carta dei valori dovrebbe arrivare alla fine della prossima settimana. (AGI - Agenzia Giornalistica Italia)

La linea di Beppe Grillo trova favorevoli gli eletti alla prima legislatura. Secondo Francesco Berti, deputato alla prima legislatura, “la priorità riorganizzare il M5S sui territori e fare rete con i consiglieri eletti (Il Riformista)

M5S, Isa srl nuovo partner per piattaforma post Rousseau: Profonda soddisfazione

Il brano è accompagnato da un video girato a Londra e celebra il rito collettivo del calcio e il ritorno alla vita del post pandemia in un continente vaccinato, "dalle strade di Dublino a Notre Dame", come canta il leader della band irlandese nel pezzo dal sound pop ma con la chitarra marchio di fabbrica del gruppo irlandese e una spruzzata di dance, assicurata dal dj e produttore olandese. (La7)

«Non rispondere all’appello di unità da parte del M5S sarebbe stato come volgere le spalle agli italiani». «I referendum sono sempre ben voluti, quello che mi risulta un po’ strano è che una forza politica al governo promuova il referendum. (Corriere della Sera)

Roma, 11 giu. Essere scelti da una forza politica che fin dalla sua nascita ha messo le tecnologie digitali al centro della sua attività, agevolando la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica, ci motiva ancora di più ad affrontare la nuova sfida”. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr