Nocera Superiore, conserva di pomodoro egiziano venduta come “made in Italy”

Nocera Superiore, conserva di pomodoro egiziano venduta come “made in Italy”
Più informazioni:
inPrimaNews.it INTERNO

Blitz in una fabbrica conserviera di Nocera Superiore, sequestrate 821 tonnellate di pomodoro egiziano pronto per essere confezionato. Il concentrato di pomodoro proveniva dall’Egitto, un quantitativo enorme, 821 tonnellate per un valore di mercato superiore al milione di euro.

A scoprire la frode alimentare sono stati i carabinieri del Reparto tutela agroalimentare che hanno effettuato delle indagini in una nota azienda conserviera di Nocera Superiore. (inPrimaNews.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

«Il sequestro di concentrato di pomodoro proveniente dall'Egitto conferma l'allarme per l'importazione di cibi di bassa qualità, con il rischio che vengano spacciati come made in Italy», scrive la Coldiretti in una nota. (Il Sole 24 ORE)

Il semilavorato di pomodoro era conservato in fusti da 250 chili in attesa di essere lavorato e confezionato in barattoli e tubetti - fa sapere Coldiretti - per essere venduto sugli scaffali come doppio o triplo concentrato di pomodoro. (IL GIORNO)

Pochi mesi prima altre indagini avevano messo sotto la lente di ingrandimento le conserve di pomodoro. Nella giornata di mercoledì 9 giugno sono state sequestrate 821 tonnellate di semilavorato di pomodoro, per un valore di un milione di euro. (LiberoQuotidiano.it)

Dall'Egitto arriva il semilavorato di pomodoro contaminato

Nell'ambito della stessa operazione sono stati denunciati i fratelli A.P. L'operazione Scarlatto e l'azienda Petti. L'operazione "Scarlatto Due" segue quella avvenuta alcune settimane fa e denominata appunto "Scarlatto" che ha portato al sequestro di tonnellate di pomodoro all'azienda Petti in Toscana. (Fanpage.it)

In altre parole – precisa la Coldiretti – oltre otto prodotti su dieci pericolosi per la sicurezza alimentare provengono dall’estero Il sequestro di concentrato di pomodoro proveniente dall’Egitto che risulterebbe secondo le indagini largamente contaminato da pesticidi per un valore di un milione di euro conferma l’allarme per l’importazione di cibi di bassa qualità con il rischio che vengano spacciati come Made in Italy. (LecceSette)

Prodotti sempre più pericolosi sui nostri scaffali. Dall’Egitto arriva il semilavorato di pomodoro contaminato. Lo sottolinea la Coldiretti, per essere venduto sugli scaffali come doppio o triplo concentrato di pomodoro. (il Caudino)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr