La grande fuga da Facebook: Coca Cola, Starbucks e Microsoft non compreranno più spazi pubblicitari sul social

La grande fuga da Facebook: Coca Cola, Starbucks e Microsoft non compreranno più spazi pubblicitari sul social
DDay.it - Digital Day DDay.it - Digital Day (Economia)

I fatti di Stop Hate for Profit contribuiranno sicuramente a rendere questa contrazione ancora più grande.

Sommando tutti i vari social, la pubblicità vale per Facebook oltre 70 miliardi di dollari all’anno.

Ne parlano anche altre fonti

«Non c'è spazio per il razzismo nel mondo e non c'è spazio per il razzismo sui social media», ha denunciato il presidente e Ceo di Coca-Cola James Quincey in una nota, reclamando maggiore affidabilità e trasparenza. (Il Messaggero)

Hewlett-Packard, in un comunicato, ha poi fatto sapere che sospenderà la pubblicità su Facebook ed è in procinto di "rivedere" la propria strategia sui social media. A un elenco dove figurano pesi massimi come Unilever e Honda, si sono appena aggiunte Adidas e Rebook, scrive Cnbc. (AGI - Agenzia Italia)

C'è Coca-Cola, poi Levi Strauss, Uniliver, Honda, Verizon. Decine di aziende hanno aderito alla campagna di protesta «Stop hate for profit» che si traduce con uno stop alla pubblicità sulle piattaforme social. (Corriere della Sera)

Capossela ha però specificato di essere in costante contatto con i vertici di Facebook e di Instagram per poter riprendere in futuro le attività, una volta risolte queste problematiche. A rivelare la notizia è stato Axios che ha citato una chat interna in cui il responsabile marketing dell’azienda Chris Capossela annunciava l’interruzione a partire dallo scorso maggio. (Corriere della Sera)

Coca Cola chiede a Facebook e a tutti gli altri social media maggiore affidabilità e trasparenza. Le altre aziende. Queste preoccupazioni sono condivise da molte delle aziende che hanno deciso di partecipare al boicottaggio. (Sky Tg24 )

Il risultato - scrive Axios - è comunque che un altro grande inserzionista in questo momento non sta rimpinguando le casse della piattaforma social. È quanto scrive in esclusiva Axios che cita una chat interna del gruppo. (Rai News)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr