Processo vaticano, Perlasca a sorpresa in aula. Marogna deposita un memoriale

Vatican News - Italiano ESTERI

Becciu ancora una volta ha risposto che di questi “dettagli tecnici” se ne occupavano Perlasca e i collaboratori dell’Ufficio Amministrativo

Dichiarazione spontanea di Becciu. Becciu ha proseguito quindi nel suo interrogatorio, iniziato alle 10.50 e concluso intorno alle 17.35.

In clergyman, zaino nero in spalla, Perlasca si è subito seduto in ultima fila tra i giornalisti.

La Segreteria di Stato, in sostanza, dava soldi alle banche che, dopo aver applicato le loro commissioni, investivano. (Vatican News - Italiano)

Se ne è parlato anche su altre testate

Da quel momento in poi, il Cardinale Becciu si è sempre avvalso della facoltà di non rispondere quando gli sono state fatte domande sulla CEI. Il Cardinale Becciu ha sempre ribadito di aver sempre avuto totale fiducia nel suo ufficio amministrativo, e che dunque aveva accolto tutti i suggerimenti. (ACI Stampa)

Sono stato platealmente apostrofato di far finta di non intendere o non ricordare si è addirittura dubitato sulla mia rettitudine nel gestore offerte ricevute dai fedeli, si è cercato di carpire la mia buona fede presentandomi documenti non firmati o di dubbia attribuibilità con premesse nocive per il mio sforzo mnemonico, esulando così dai fatti su cui sono chiamato a difendermi". (YouTG.net)

Sbugiardato dunque il revisore generale Libero Milone, altro accusatore di Becciu, esautorato direttamente dal Papa per aver svolto attività investigative non autorizzate. Ieri si è concluso il secondo round dello scontro tra il cardinale e il Promotore di giustizia aggiunto, l’avvocato Alessandro Diddi. (ilGiornale.it)

In un primo momento infatti il Cardinal Becciu aveva deciso di non rispondere alle domande in Aula per voler «salvaguardare il Santo Padre». Perlasca, sottolinea il Cardinal Becciu, «non mi disse niente sulle criticità legate al Palazzo di Londra. (Il Sussidiario.net)

L'imprenditore Bassi, secondo Marogna, ne rimase contrariato. Fornito da Avvenire. Si è concluso nella sedicesima udienza, quella di oggi 19 maggio, l'interrogatorio del cardinale Angelo Becciu al processo vaticano originato dalla compravendita di un immobile londinese. (Notizie - MSN Italia)

La spy story. In pratica Cecilia Marogna afferma di essersi fatta da tramite con l'allora sostituto alla Segreteria di Stato, Angelo Becciu per perorare la causa presso il Papa «e avere una sua opinione in merito». (ilmessaggero.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr