Covid, l'Istituto Superiore di Sanità: "Il 62% dei casi tra 20 e 59 anni". Palamara: "Se non lo fermiamo il virus muta"

Covid, l'Istituto Superiore di Sanità: Il 62% dei casi tra 20 e 59 anni. Palamara: Se non lo fermiamo il virus muta
Castelli Notizie SALUTE

Sicuramente la crescita dei contagi c’è per questo dobbiamo correre a vaccinarci e non abbassare la guardia.

“Nelle ultime due settimane il 26,7% dei casi totali” di coronavirus Sars-CoV-2 “ha un’età inferiore a 19 anni”, quindi più di 1 su 4, “il 62,3% ha una età compresa tra 20 e 59 anni e l’11% ha un’età superiore a 60 anni”.

“La maggior parte dei casi segnalati è acquisita localmente ma dal mese di giugno 2021 si osserva un lieve incremento, in percentuale, dei casi importati”, segnala l’Iss. (Castelli Notizie)

Ne parlano anche altre fonti

Con la variante Delta, oggi, "anche se si è vaccinati si può essere infetti". I sintomi. A livello di sintomi la variante Delta pare essere più impattante sull'organismo (Adnkronos)

La variante Delta è destinata a crescere e in altri paesi sta portando grande aumento di nuovi casi: è quindi importante tracciare i contatti, prevedere le quarantene ed è opportuno raggiungere quanto prima la copertura vaccinale con la doppia dose. (Tuttosport)

L'età mediana per ricovero è 50 anni e quella dei decessi è introno a 70 anni ma casi sono limitati". La Cabina di regia di Istituto superiore di sanità e ministero alla Salute ieri ha sancito la ripresa dell'epidemia, spinta in avanti dalla variante Delta, dopo mesi di calo. (Notizie - MSN Italia)

Covid, nelle ultime 24 ore 2.898 contagi, tasso di positività dell'1,4%

Come anticipato all’inizio, anche il fronte dei decessi si registra popolato da soggetti non vaccinati. Anche l’età dei positivi parla chiaro. Un altro effetto della campagna vaccinale è la diminuzione dell’età mediana dei casi di Covid-19 (Open)

I vaccini sono efficaci con la doppia dose. Il tasso di occupazione in terapia intensiva e in aree mediche al giorno 13 luglio 2021 è stabile, coincidente e parti al 2%. (TG-PRIMARADIO)

I casi in Italia dall’inizio dell’epidemia sono 4.281.214, i morti 127.851. Gli attualmente positivi sono 42.714, in aumento di 1. (Salernonotizie.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr