Mottarone: tolto fascicolo a gip

Mottarone: tolto fascicolo a gip
Per saperne di più:
Tiscali.it INTERNO

"Il solo sospetto che la riassegnazione del fascicolo possa essere conseguenza di insistenze provenienti da una parte del procedimento costituisce un inaccettabile vulnus alla serenita' della giurisdizione, di cui deve essere espressione l'assoluta indipendenza del giudice", scrive il presidente della Camera Penale

La Camera Penale di Verbania ha proclamato per il 22 giugno un giorno di astensione dall'attivita' degli avvocati. (Tiscali.it)

Su altri giornali

“Io inizio a mandarvi lì: pare che la cabina sia caduta in mezzo al bosco e che non sia raggiungibile da un mezzo via terra Sono le prime parole dell’operatrice del 118 al telefono con i carabinieri di Verbania domenica 23 maggio subito dopo il disastro della funivia Stresa-Mottarone (LaPresse)

La gip Donatella Banci Buonamici, che ha rimesso in libertà due dei gestori dell'impianto del Mottarone è stata estromessa dal procedimento in corso d'opera. "Un Paese nel quale può accadere che un giudice che adotta decisioni sgradite all'accusa venga bruscamente eliminato dallo scenario processuale, è un Paese che calpesta la Costituzione. (Today.it)

La Camera penale di Verbania ha dichiarato sciopero per martedì 22 giugno. L’ufficio nell’immediatezza era stato assunto da Donatella Banci Buonamici, presidente della sezione penale. (La Stampa)

Funivia, l’audio dei primi soccorsi: È caduta una cabina

Il piccolo sopravvissuto si trova circondato dall’affetto dei nonni, e sotto la protezione degli psicologi e del giudice tutelare. Una tragedia nella tragedia per il piccolo Eitan. “Il bimbo sa dell’accaduto”, le parole dei legali di #Eitan, l’unico sopravvissuto alla tragedia della funivia del #Mottarone pic. (CheNews.it)

Non un motivo valido per la gip, invece, che li aveva fatti uscire. Un motivo sufficiente secondo carabinieri e procura per fermare nel cuore della notte tutti e tre e portarli in cella. (La Repubblica)

È caduta una cabina alla funivia di Stresa, sopra in cima al Mottarone (‘che casino, che casino’) alla funivia”. Sono le prime parole dell’operatrice del 118 al telefono con i carabinieri di Verbania domenica 23 maggio subito dopo il disastro della funivia Stresa-Mottarone. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr