Zaia: «Il decreto Rilancio va cestinato, il Veneto presenterà ricorso»

Corriere della Sera Corriere della Sera (Interno)

Lo «Schengen sanitario» per il turismo Per il turismo nella Fase 2 «si va verso uno “Schengen sanitario”, e se è sostenibile penso che non ci siano limiti rispetto alle quarantene».

Lo ha annunciato il presidente Luca Zaia, secondo cui «questo decreto verrà buttato nel cestino e dovrà essere riscritto, perché a mio avviso è assolutamente imbarazzante».

Su altri media

I comuni di Sala Consilina, Atena Lucana, Polla, Auletta e Caggiano, oltre ad Ariano Irpino e Saviano, durante l’emergenza Covid-19 sono ricaduti nelle cosiddette “Zone Rosse” a causa dell’elevato numero di contagi. (ondanews)

Così il governatore del Veneto Luca Zaia ospite di 24 Mattino su Radio 24. Se non lo modificano d'ufficio io lo farò modificare a un tribunale perché io questo decreto lo impugno". (Yahoo Notizie)

E, allargando le disposizioni nazionali che prevedevano interventi solo per la fascia di età dai 3 ai 17 anni, la Regione includerà anche i più piccoli e cioè la fascia 0-3 anni. E ancora: Zaia, i bimbi del Veneto ti ringraziano, Grazie Zaia aiutaci a non chiudere. (Leggo.it)

La scorsa settimana, tutte le regioni presentavano un livello basso di pericolosità, ad eccezione di Lombardia, Molise e Umbria. “Dopo 24 ore da quell’8 marzo tutta Italia diventa zona rossa ma nessuno ha revocato le nostre zone rosse. (La Luce di Maria)

"In sede di conversione del decreto - ha garantito il presidente del Consiglio ai suoi - verrà presentato un emendamento per comprendere tutte le altre zone rosse d'Italia" ora escluse dal dl. Dunque il governo torna a tendere le mano alle Regioni, dopo l'ennesimo braccio di ferro, non solo includendo tutti i Comuni, nessuno escluso, ma anche rendendo più sostanzioso il fondo. (Adnkronos)

Numerose erano arrivate le proteste contro la decisione di "correggere" la mappa delle zone rosse per il contagio da Covid. "I Comuni che sono stati zona rossa hanno tutti pari dignità. (Italia Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr