Ddl Zan, smontiamo le bufale della destra una per una

Ddl Zan, smontiamo le bufale della destra una per una
L'Espresso INTERNO

Distratti dal dibattito scatenato dalle parole del rapper Fedez al Concertone del Primo Maggio, la legge Zan rimane per molti un oggetto distorto.

La legge Zan assimila le donne a una minoranza da proteggere, quando invece sono la maggioranza. Falso.

La proposta Zan tutela le vittime per “orientamento sessuale” e questa espressione include tutti gli orientamenti, compreso quello eterosessuale

La legge mette sullo stesso piano la discriminazione per orientamento sessuale, identità di genere, genere, sesso, disabilità a quella razziale, etnica e religiosa. (L'Espresso)

Se ne è parlato anche su altri giornali

Se Fedez vuole mostrarsi come ambasciatore dei diritti civili LGBT deve prima scusarsi pubblicamente e ritirare dal commercio i brani incriminati. Ora, con la recente dichiarazione di Fedez a favore del ddl zan, la contraddizione risulta più evidente. (Consumatore.com)

Lo temiamo assai, purtroppo, essendosi cinquestelle e Pd schierati non dalla parte della donna e lavoratrice, ma dalla parte del miliardario. M5s e Pd si son spellati le mani ad applaudire il giovin miliardario e ad esigere le scuse dalla Rai. (Tempi.it)

«È un elemento di continuità, perché le cose che ha detto Fedez io le ho dette per una vita. Rispetto al passato, sui diritti civili sono stati fatti passi avanti o ancora non abbastanza, a livello legislativo e culturale? (Corriere della Sera)

Se serviva una prova sul ddl Zan liberticida, eccola

- l'idea che Boris Johnson non riesca ad arrivare a fine mese perché ". Mantovano: "Vi spiego perché il ddl Zan non ha senso" il Giornale Inoltre, poi, tale norma aumenta la genericitàsi dice che viene riconosciuto il diritto a esprimere le proprie opinioni che, prima che dal ddl Zan viene riconosciuto dalla Costituzione e . (Zazoom Blog)

Negano i dirigenti, ma la polemica continua ad agitare i partiti (TG La7)

In particolare da norme come quelle a tutela dell'incolumità personale, della libertà sessuale, dell'onore, della libertà personale. L'ex sindaco di Modena Giorgio Pighi veste i panni del giurista per sostenere la necessità di giungere alla approvazione del Ddl Zan. (La Pressa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr