Assalto alla Cgil, Lamorgese confessa: “Sapevamo, ma non abbiamo agito”

Assalto alla Cgil, Lamorgese confessa: “Sapevamo, ma non abbiamo agito”
Nicola Porro INTERNO

Ebbene sì, abbiamo avuto la conferma che cercavamo: si è scelto volontariamente di non intervenire.

Attenzione però: la Lamorgese, nonostante questa tragica ammissione, in realtà non ha davvero risposto all’interrogazione presentata dal partito di Giorgia Meloni

E sapevano anche che i manifestanti si sarebbero diretti verso la sede della Cgil.

Si è scelto di sacrificare la sede della Cgil per evitare tumulti di piazza. (Nicola Porro)

La notizia riportata su altre testate

Se la Meloni sa, vada dalla magistratura, altrimenti rimesta nel torbido" (La7)

Una quindicina di questi avrebbe fatto parte del gruppo che ha assaltato la sede Cgil Meloni all'attacco: «Lamorgese ci riporta ad anni bui». (ilmessaggero.it)

La deputata del Partito Democratico, Laura Boldrini, non usa mezzi termini per definire le parole della Leader di Fdi che nel Question time di oggi aveva parlato di strategia della tensione per attaccare la ministra Lamorgese: “Dichiarazioni inaccettabili di cui mi auguro si assumerà la responsabilità”. (Inews24)

Lamorgese si sveglia solo ora: il piano anti no-pass

Il Castellino è destinatario di Daspo, con obbligo di soggiorno, integrato a restrizioni alla mobilità dalle 21 in poi. Siamo alla strategia della tensione” ha detto la Meloni replicando al ministro Lamorgese (qui il video). (LA NOTIZIA)

“Leggo così l’atteggiamento di oggi della Meloni , un modo per cercare di coprire le proprie responsabilità rispetto al fatto che nelle ore successive non c’è stata una condanna chiara ed evidente rispetto alla matrice fascista di questo evento” ha concluso il segretario del Pd (LaPresse)

Il Viminale corre ai ripari dopo i disordini e le violenze di sabato scorso. Il clima si fa sempre più teso, motivo per cui il governo comincia a temere che possano verificarsi criticità sul piano dell'ordine pubblico. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr