L'esodo e l'afa rallentano i saldi i negozianti: «Bisogna aver fiducia»

L'esodo e l'afa rallentano i saldi i negozianti: «Bisogna aver fiducia»
Il Gazzettino Il Gazzettino (Economia)

«Non c'è stato un pronti via', gli sconti sono iniziati ormai da tempo.

L'APPROCCIO. Le resse davanti ai negozi, del resto, erano un ricordo ormai già da ben prima della pandemia.

La voglia di tanti trevigiani, nel primo sabato d'agosto, se non di partire per le ferie, quantomeno di concedersi un weekend lontano dalla città.

Se ne è parlato anche su altre testate

E c’è anche chi sceglie di regalarsi un paio di pantaloni col “finanziamento“ a tasso zero per quattro mesi. Al Quasar Village, per esempio, vanno forte le gift card: paghi cento e ne ricevi un’altra da 20 euro da spendere sempre nella struttura. (LA NAZIONE)

Buona la risposta di bolzanini e turisti: negozi affollati, file lungo via Portici e commercianti finalmente speranzosi di poter eliminare le tante rimanenze di magazzino di una stagione, quella primaverile-estiva praticamente azzoppata dal lockdown. (Alto Adige Innovazione)

Ho venduto più capi primaverili che estivi, e per i saldi è già venuto qualche cliente da fuori". A parlare sono alcuni negozianti del centro storico di Macerata, alle prese con il primo giorno dei saldi dopo il periodo del lockdown per la pandemia da Covid-19. (il Resto del Carlino)

Non escludo poi che molti colleghi decidano di prolungare l'orario di apertura sfruttando le più fresche ore serali: in via Luccoli, ad esempio, per il primo giorno abbiamo optato per le 21.30”. (LaVoceDiGenova.it)

«Attenzione – conclude Pietro Vitelli – ai pagamenti effettuati con la carta revolving, perché i tassi applicati possono superare il 20%. Un negoziante convenzionato con una carta di credito è tenuto ad accettarla sempre, anche in periodo di saldi, e a non aumentare i prezzi per pagamenti effettuati con la carta. (Il Reggino)

“Attenzione – conclude Pietro Vitelli – ai pagamenti effettuati con la carta revolving, perché i tassi applicati possono superare il 20%. Il consumatore inoltre, deve ricordarsi sempre di conservare lo scontrino. (Soverato Web)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr