Microsoft: stop alla pubblicità su FB e Instagram

Microsoft: stop alla pubblicità su FB e Instagram
Punto Informatico Punto Informatico (Economia)

Lo ha fatto a partire dal mese di maggio per quanto riguarda le campagne di advertising destinate agli Stati Uniti scegliendo poi di ampliare la portata della decisione a tutto il mondo.

Sulla base di preoccupazioni che abbiamo manifestato in maggio, abbiamo sospeso tutta la spesa su Facebook e Instagram negli Stati Uniti, facendo poi lo stesso a livello mondiale.

Su altri giornali

È quanto scrive in esclusiva Axios che cita una chat interna del gruppo. Tuttavia, a differenza dei molti inserzionisti che hanno recentemente aderito alla campagna di boicottaggio di Facebook, Microsoft è preoccupata per dove vengono mostrati i suoi annunci, non per le politiche di Facebook. (Rai News)

n'altra brutta notizia per Facebook: Microsoft ha deciso di sospendere gli annunci pubblicitari su scala mondiale sul social e su Instagram. Oltre a questi big hanno aderito a #StopHateForProfit decine di marchi Usa, di piccole aziende locali e inserzionisti "minori". (Ticinonline)

Anche gli altri social network, non solo Facebook Instagram, vivono con difficoltà questo stesso problema. Diverse delle aziende che hanno aderito alla campagna #StopHateForProfit hanno messo in pausa per un tempo indefinito la pubblicità su qualsiasi tipo di social network. (Avvenire)

A un elenco dove figurano pesi massimi come Coca cola, Unilever e Honda, si sono appena aggiunte Adidas e Rebook, scrive Cnbc. Reuters riporta infine che Ford è in procinto di fermare gli spot per tutto luglio. (Imola Oggi)

Stando alla fonte, Microsoft avrebbe messo in pausa gli spot in Usa già dal mese di maggio, per poi estendere la misura a livello globale. Lo riferisce Bloomberg citando una persona a conoscenza dei fatti. (Sky Tg24 )

Hewlett-Packard, in un comunicato, ha poi fatto sapere che sospenderà la pubblicità su Facebook ed è in procinto di "rivedere" la propria strategia sui social media. A un elenco dove figurano pesi massimi come Unilever e Honda, si sono appena aggiunte Adidas e Rebook, scrive Cnbc. (AGI - Agenzia Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr