Valentino Rossi, Agostini: "Mi chiedono di dirgli di ritirarsi"

Valentino Rossi, Agostini: Mi chiedono di dirgli di ritirarsi
Approfondimenti:
Sportal SPORT

Mi ha detto che era stata una mia tifosa ma che adesso lo era di Valentino Rossi

Giacomo Agostini è tornato a parlare di Valentino Rossi.

Il padre di Valentino dice che dovrebbe correre altri tre o quattro anni, ma io non sono il padre e non dico niente.

4 Maggio 2021. Giacomo Agostini torna a parlare di Valentino Rossi.

"Alcuni mi chiedono di dire a Rossi di ritirarsi, ma non posso farlo - ha raccontato -. (Sportal)

Su altre testate

E’ quello che Valentino Rossi sembra avere visto. "Abbiamo lavorato molto sull'assetto - ha aggiunto -. (Sportal)

Abbiamo provato anche qualcosa per migliorare l’ingresso in curva e altre innovazioni portate dalla Yamaha che mi sono piaciute molto“. “Ho fatto un buon test – ha sottolineato Rossi ai microfoni di Sky Sport – Soprattutto sul setting della moto per migliorare in frenata, perchè in gara soffrivo. (OA Sport)

Una sessione alla quale non ha preso parte Fabio Quartararo: il pilota francese del Team Factory Yamaha ha deciso di rinunciare per effettuare dei controlli al braccio destro, dopo quanto accaduto nel corso della gara in terra andalusa. (OA Sport)

MotoGP | Quartararo: problema meno grave del previsto

Abbiamo provato ad iniziare i test di Jerez ma ho subito visto che ero molto limitato nel proseguire l'allenamento Quasi tutti i piloti ufficiali hanno dunque avuto modo di prendere maggiore confidenza con la propria moto e provare nuovi assetti in vista dei prossimi appuntamenti iridati. (Sport Fanpage)

La giornata di test che ha visto i piloti della MotoGP nuovamente impegnati sul circuito di Jerez ha fatto ritrovare sensazioni positive a Valentino Rossi, reduce da un inizio di stagione molto difficile. (Sport Fanpage)

“C’è un piccolo punto a livello di una vena dove il sangue non circola bene nel suo avambraccio – ha spiegato il manager di Quartararo Eric Mahé – si tratta di dover sbloccare quel punto attraverso una piccola operazione benigna, molto meno invasiva di un intervento dovuto alla sindrome compartimentale” (FormulaPassion.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr