Sciopero generale: diritto al lavoro e no Green pass portano in piazza i sindacati

Gazzetta di Parma INTERNO

"Si aggiunge la questione del green pass - continua il sindacalista - per noi non è uno strumento che, calato nel contesto lavorativo, è utile a limitare i danni della pandemia.

Il corteo partito dalla stazione di Porta Nuova attraverserà le vie del centro città dell’ambito dello sciopero generale contro il governo

Sono oltre mille i partecipanti al corteo indetto da Cobas e Cub Usb per l’odierno sciopero generale, che stanno sfilando per il centro di Torino. (Gazzetta di Parma)

La notizia riportata su altre testate

Da Genova a Torino, passando per Firenze, sono partiti nella mattina di oggi, 11 ottobre, i primi cortei organizzati nell’ambito dello sciopero generale. (Open)

“Se mancano le case, se sei disoccupato, la colpa è del padrone e non dell’immigrato” è un altro dei cori scandito dai manifestanti In piazza Cobas, Usb e Cub, oltre a un gruppo di no green pass e alcuni esponenti dei centri sociali. (LaPresse)

Qui si concentra la maggior parte dei no green pass Traffico sempre più in tilt. Il Collettivo Portuali annuncia che dal 15 ottobre (giornata di introduzione dell’obbligatorietà di green pass) bloccheranno la città. (GenovaQuotidiana)

Alle 9 la partenza del corteo dal Terminal Traghetti in direzione via San Vincenzo, verso la sede di Confindustria. (GenovaToday)

Prendono fermamente le distanze da gruppi fascisti i partecipanti al corteo indetto da diverse sigle sindacali a livello nazionale che, questa mattina, lunedì 11 ottobre, è partito da Piazza Europa a Cuneo, in direzione della Prefettura. (TargatoCn.it)

Di fatto nel giro di qualche giorno tutti dovrebbero essere controllati. La tenuta del servizio si giocherà su questo equilibrio: tra quanti saranno i «no pass» assenti, e se basteranno i riservisti a colmare i buchi (Corriere Milano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr