Padova, addio a Strazzabosco: restaurò le statue del Prato

Padova, addio a Strazzabosco: restaurò le statue del Prato
Il Mattino di Padova SALUTE

Su tutti il Campidoglio d’oro per la scultura nel 1978.

Parte di una famiglia di artisti, è stato uno scultore conosciuto in tutto il mondo, capace di vincere premi e segnalazioni.

Ma anche una persona che ha dato molto a Padova: formando intere generazioni di studenti come insegnante all’istituto Selvatico ma anche con il restauro, negli anni’ 60, delle statue di Prato della Valle.

Scultore e restauratore, se ne va un altro pilastro dell’arte padovana: Gianni Strazzabosco è morto domenica 21 febbraio all’età di 85 anni, dopo aver lottato per molti anni contro la malattia. (Il Mattino di Padova)

Su altri giornali

Sabato mattina, 20 febbraio, inizierà la vaccinazione in Fiera a Padova per il personale della scuola, docente e non docente. Il vaccino da somministrare sarà l’AstraZeneca di cui sono arrivate 8.500 dosi. (PadovaOggi)

In totale, dall’inizio dell’emergenza, un anno fa, sono 9.712 le persone decedute in Veneto e 326.507 i casi totali I ricoverati positivi al Covid sono ora 233 negli ospedali di tutta la provincia di Padova: 202 in reparto (-3) e 31 in terapia intensiva (0). (PadovaOggi)

«Non credo che chi ha commesso questo grave gesto abbia scavalcato le mura di cinta», conclude il sindaco del comune collinare Favorito anche dal fatto che il cimitero si trova lungo la strada che collega Teolo a Castelnuovo, abbastanza isolato rispetto alle abitazioni». (Il Mattino di Padova)

Alia Aduna Padova, netta sconfitta contro la capolista

: a soli due mesi da quando sono iniziate le somministrazioni del vaccino, si stanno scoprendo molte varianti che potrebbero vanificarne l’effetto». Il “carpe diem” sul petto del Cristo bambino, poi, vuole essere di buon auspicio, così come». (Il Mattino di Padova)

La gigantografia un po’ ingiallita di un gattino che tenevi in una mano mi aveva convinto: ci deve essere un cuore grande oltre a microscopi e citofluorimetri E la dottoressa Barbara Buldini, allieva di Basso, offre un ricordo del professore: «Era il 1997, tornavo da un Erasmus con l’idea di fare una tesi in Oncoematologia pediatrica. (il mattino di Padova)

Dopo una staffilata da seconda linea di Gomiero, coach De Felip decide comunque di intervenire (10-6). Alia Aduna Padova: Volpin, Avanzo e Miecchi 6, Rampazzo 2, Celegato e Asquini 1, Grandis, Boscolo, Tonina e Tiozzo 0, Varagnolo NE; liberi: Cavalera e Azzolin (PadovaOggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr