Sui rifiuti troppi alibi sui Tmb senza fare scelte (a partire dall’Ama)

Corriere Roma INTERNO

Serve una nuova discarica, servono impianti di trattamento dell’ umido raccolto in modo differenziato, serve un impianto, inceneritore o altro, in grado di trattare la frazione indifferenziata.

Pagano il costo dei tanti camion che portano i rifiuti romani fuori dalla città a distanze di centinaia di chilometri elemosinando ospitalità ad altre Regioni.

E farla finita almeno in parte con la finzione dei Tmb, impianti che servono principalmente per giustificare l’ esportazione dei rifiuti verso le discariche o gli inceneritori delle altre Regioni. (Corriere Roma)

Ne parlano anche altre fonti

La Ecol Sea s.r.l. è, da oltre trent’anni, concessionaria della licenza per l’esercizio del servizio di raccolta di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi prodotti dalle navi all’interno del porto di Palermo (BlogSicilia.it)

«Nonostante gli sforzi profusi dall’Amministrazione, tesi a infondere nella collettività il principio del rispetto dell’ambiente come bene primario da tutelare al fine di migliorare la qualità della vita – si legge nella determina - si registrano comunque sul territorio numerosi episodi di abbandono di rifiuti di ogni tipo nelle campagne e lungo le strade, in modo particolare nel territorio marino». (La Voce di Manduria)

Dunque domattina non sarà effettuato il servizio di raccolta rifiuti porta a porta. Non si è riuscito a trovare l’accordo tra il comune, la ditta incaricata e gli operai, con questi ultimi che lamentano il mancato pagamento di tre mensilità. (AMnotizie.it)

Faenza. Progetto per la raccolta differenziata Greenallu al Filanda Shopping Center

I quartieri sono Poggioverde, Margherita e viale Magna Grecia (dal cimitero alla Casarossa): il 5% della popolazione di Crotone per raggiungere poi, nel 2022, il 65%. Akrea inizierà a dedicare automezzi e personali per seguire i tre quartieri pilota, per intervenire in maniera tempestiva laddove si dovessero presentare la difficoltà (CrotoneOK.it)

La baraccopoli è stata individuata dall'elicottero della guardia di finanza, migliaia di euro di tributi non versati. (IlPescara)

In tutto il 2020, il centro commerciale La Filanda, dove è già presente una macchina per la raccolta delle bottiglie PET, ha riciclato 603.000 bottiglie di plastica, pari a 15 tonnellate che hanno evitato emissioni nella atmosfera pari a 45 tonnellate di CO2. (ravennanotizie.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr