Nicolò Martinenghi argento nei 50 rana ai Mondiali

Nicolò Martinenghi argento nei 50 rana ai Mondiali
Tiscali SPORT

Chiude il podio l'altro statunitense Michael Andrew in 26"72.Ottimo quinto posto per lo sfrontato debuttante Simone Cerasuolo, peraltro in dubbio fino alla vigilia dei mondiale che ha raggiunto successivamente il gruppo italiano perché invischiato col covid.

Il 22enne di Varese tocca in 26"48, tre centesimi di troppo rispetto all'americano Nic Fink, già terzo nei 100.

Sesto posto, invece, per l'altro azzurro in gara, Gabriele Detti. (Tiscali)

Su altri media

Il programma delle gare:. 9.00-11.45 nuoto (batterie). 100 sl donne: Chiara Tarantino. 200 dorso uomini: Michele Lamberti. 200 rana donne: Francesca Fangio. 200 rana uomini. 4×200 sl donne. 10.00-13.00 nuoto artistico (preliminari). (la Repubblica)

Non è stata una buona gara assolutamente, per il resto sono contento di essermi avvicinato al personale L'azzurro ha nuotato in 26"48, a soli tre centesimi dallo statunitense Nic Fink, oro in 26"45. (Gazzetta di Parma)

La piscina magiara ha offerto un programma di gare che non ha rubato particolarmente l’occhio , ma comunque meritevole di un racconto rispetto a quanto accaduto. Per l’ingresso in Finale l’atleta del Bel Paese cercherà di avvicinare o magari migliorare il suo record italiano di 2:23.06. (Eurosport IT)

Benedetta Pilato, oro di Puglia: a 17 anni con Taranto nel cuore. Ma in città non c'è una piscina olimpica

Delle ultime 30 medaglie conquistate prima di Budapest, ben 26 erano arrivate dallo stile libero, che invece al momento partecipa solamente per un quinto del bottino (la staffetta 4x100 maschile). LA STAFFETTA MISTA 4X100 SFIORA IL PODIO, ORO ALLA GRAN BRETAGNA. (Eurosport IT)

Niccolò Martinenghi è medaglia d’argento nei 50 rana ai Mondiali di nuoto, a Budapest. (Gazzetta del Sud)

Ma in città non c'è una piscina olimpica di Luca Guerra. Benedetta Pilato sul podio più alto ai mondiali di nuoto a Budapest (afp). Forza di volontà, spensieratezza e una famiglia solida alle spalle: "Lo sport in secondo piano" hanno sempre ripetuto mamma Antonella e papà Salvatore. (La Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr