Agrigento onora Dante Alighieri

Grandangolo Agrigento CULTURA E SPETTACOLO

La storia è insicura sulla data di nascita di Dante Alighieri mentre sul giorno della dipartita del sommo poeta viene indicata la notte tra il 13 e 14 settembre del 1321.

Le testate giornalistiche premiate. Testate giornalistiche premiate. La targa consegnata a Grandangolo Agrigento onora Dante Alighieri. A comporre i momenti principali dell’evento sono stati chiamati illustri esponenti del mondo culturale e dello spettacolo agrigentino: Gaetano Aronica con il suo testo tratto dall’opera teatrale “Vizi capitali”, furente e purgatoriale come una invettiva: Marcella Lattuca nelle sembianze della Francesca lettrice del “libro galeotto”. (Grandangolo Agrigento)

Ne parlano anche altri giornali

Il “climatologo” Dante aveva già capito tutto, leggiamo non senza sconcerto sulla Stampa di ieri, martedì. Parigi val bene una messinscena. Il colpo migliore però se lo sono tenuto per l’anniversario della sua morte, forse per ucciderlo una seconda volta. (Tempi.it)

Joaquin Jimenez, incisore generale della Monnaie, ha dichiarato: “Riuscire a celebrare degnamente Dante è stato qualcosa di incredibile! Ogni anno, si è scelto di celebrare un diverso genere letterario, come la poesia, il romanzo, il saggio filosofico o il teatro e di scegliere, per esso, due rappresentanti iconici. (CN Cronaca Numismatica)

Feliciano Scarpellini). 30 settembre ore 17-19. “SOLO DA SENSATO APPRENDE / CIÒ CHE POSCIA FA D'INTELLETTO DEGNO” (Par Poteva la biblioteca Jacobilli, centro secolare della cultura folignate, sottrarsi alle celebrazioni di quest’anno? (Rgunotizie.it)

In questa ultima fase di itinerario artistico-urbanistico la ricostruzione concede la sensazione di un raggiunto paradiso. Qui verranno realizzati interventi di video mapping da parte di Proforma per connotare in maniera coinvolgente la facciata del Duomo (SulPanaro)

Verrà richiesto il rispetto delle vigenti normative anti Covid 19 La cena sarà al prezzo calmierato di 15 euro bevande comprese, con primo piatto la zuppa che ha reso famosa la sagra paesana, ed a seguire uno spettacolo di improvvisazione teatrale e poetica basato sull’opera di Dante con interpreti di eccezione quali Francesco Burroni e Mauro Chechi, supportati dal noto cantastorie lucchese Gildo dei Fantardi. (LuccaInDiretta)

Tutto sfocia in un’armonia universale in cui il suono diventa creatore del mondo, vibrazione cosmica universale di specchiata bellezza. (Montalto Uffugo Online)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr