Shock energetico: per Giorgetti lo scostamento di bilancio serve il prima possibile

Shock energetico: per Giorgetti lo scostamento di bilancio serve il prima possibile
Milano Finanza ECONOMIA

Il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, è tornato sul tema dei rincari dei costi dell'energia durante la sua conferenza stampa alla Camera.

Il dibattito sarebbe a livello europeo dove si discuterebbe anche della proposta di acquisto e stoccaggio comune del gas.

"Io penso che lo scostamento si debba fare e prima si fa meglio è.

Secondo il premier, infatti, il governo dovrà tenere conto degli eventuali profitti che alcuni produttori di energia realizzeranno in questo contesto di mercato, con il consueto riferimento all'idroelettrico e al rinnovabile

Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha già sottolineato che bisogna chiedere a chi ha ottenuto grandi profitti dall'aumento del prezzo del gas di condividerli con il resto della società. (Milano Finanza)

Su altri media

Sul caro bollette è intervenuto anche, con un post su Facebook, il leader Giuseppe Conte e deputate e i deputati M5S: «Sui ristori a imprese e famiglie contro il caro-bollette occorre alzare l’asticella. (Corriere della Sera)

Sì del Movimento CinqueStelle. L’idea di tassare i profitti delle società energetiche piace anche ai Cinquestelle, che l’hanno inserita in un pacchetto di 4 proposte contro il caro-bollette. Prima di tutto, “l’azzeramento dell’Iva 2022 sull’aumento delle bollette rispetto ai prezzi medi del 2021” (QuiFinanza)

costamento di bilancio di almeno 30 miliardi e contributo di solidarietà per tagliare le bollette. (La Repubblica)

Una tassa sui big dell’energia per contrastare il caro bollette. Il Ministero ci pensa

Milano, 14 gen. (LaPresse) -. (LaPresse)

L’avevamo paventata rispetto a quelli che erano gli effetti collaterali della transizione ecologica e ambientale, che l’Europa ha abbracciato, su quei settori che creano inquinamento ma anche tanta ricchezza e occupazione. (il Giornale)

La linea è quella già tracciata da Draghi: quelle aziende che hanno ottenuto grandi profitti dall'aumento del prezzo dell’energia hanno il dovere di ridistribuirli per il bene della società. L’aumento dei costi dell’energia hanno portato non solo ad un aumento delle bollette per il settore residenziale, ma anche ad una impennata dei consumi per l’industria. (DDay.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr