Crisi Evergrande, altro debito (148 milioni) da pagare. Obbligazionisti Usa alla battaglia legale

Corriere della Sera ECONOMIA

Gli obbligazionisti Usa Negli Stati Uniti un gruppo di obbligazionisti che hanno in mano complessivamente 2,5 miliardi di dollari in bond Evergrande si preparano a una battaglia legale: si sono rivolti alla law firm Kirkland & Ellis e alla banca d’investimenti Moelis & Co.

L’obiettivo è bloccare cessioni di asset da parte del gruppo cinese che potrebbero pregiudicare le aspettative degli obbligazionisti stranieri. (Corriere della Sera)

Su altri giornali

La stretta sul settore immobiliare in Cina ha portato Evergrande a non onorare altre tre cedole e ieri Sinic Holdings è diventata l'ultima società del mattone ad avvertire di un imminente default. L'avanzo commerciale con gli Stati Uniti è aumentato a 42 miliardi di dollari dai 37,68 miliardi di dollari di agosto. (Milano Finanza)

E poi c’è la strategia politica di Xi Jinping, volta a controllare sempre di più il mercato interno con norme severe su grandi aziende di tutti i settori. Non solo crisi energetica: la Cina è in focus per almeno altri due motivi che agitano e interessano i mercati globali. (Money.it)

Modern Land China, altro big immobiliare cinese in difficoltà dopo Evergrande. La società ha chiesto di allungare la scadenza di un'obbligazione di tre mesi, occhi degli investitori internazionali puntati anche su Xinyuan Real Estate. (Yahoo Finanza)

Le obbligazioni Evergrande con scadenza aprile 2022 sono precipitate in area 15,50 centesimi. Ma sono tante le obbligazioni cinesi del comparto a rischiare la stessa fine (InvestireOggi.it)

Intanto il colosso cinese Evergrande, sull'orlo del default sotto 305 miliardi di dollari di debiti, è ancora sospeso. Gli economisti di Goldman Sachs hanno tagliato le previsioni sulla crescita degli Stati Uniti quest'anno e il prossimo, accusando una ripresa ritardata della spesa dei consumatori (Milano Finanza)

Gli investitori continuano a sperare in misure di salvataggio da parte di Pechino, ma per ora si vedono solo interventi tampone. Tre voragini in tre settimane lasciate dall'agonizzante Evergrande. (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr