Green pass, Gimbe: “Sì, ma per grandi eventi”

Green pass, Gimbe: “Sì, ma per grandi eventi”
siciliareport.it INTERNO

In teoria – ricorda – dovremmo ricevere oltre 94 milioni di dosi, però vanno tolti 6 milioni di CureVac non autorizzato, 26 mln di AstraZeneca e 15 mln di J&J che non stiamo utilizzando.

Lo sottolinea Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, ai microfoni della trasmissione ‘L’Italia s’è desta’ su Radio Cusano Campus.

Diventa sempre più difficile il suo utilizzo per assembramenti più piccoli, perché non abbiamo un’equità di accesso al vaccino” anti Covid. (siciliareport.it)

Su altre testate

https://it.sputniknews.com/20210719/green-pass-obbligatorio-per-fondazione-gimbe-ha-senso-in-grandi-eventi-12189463.html. Green pass obbligatorio, per Fondazione Gimbe ha senso in grandi eventi. Green pass obbligatorio, per Fondazione Gimbe ha senso in grandi eventi. (Sputnik Italia)

Ovvio però che l’impatto della malattia sugli ospedali sarà inversamente proporzionale alla quota di over 60 vaccinati, ce ne sono oltre 2 milioni non vaccinati. Quindi per la quantità di vaccini che stiamo ricevendo possiamo prevalentemente completare le seconde dosi. (ilMetropolitano.it)

Vedremo se tutto questo basterà a placare le proteste di numerosi presidenti di Serie A che si sono già espressi per una riapertura totale ai tifosi (Calcio In Pillole)

Green pass, sì ma per grandi eventi

“Dal punto di vista dei nuovi contagi stiamo vedendo un incremento abbastanza sostenuto, in linea con quanto avvenuto prima in altri Paesi europei –ha affermato Cartabellotta-. E’ verosimile che questi vaccini in Italia non arrivino mai, quindi ne avremo circa 45 milioni di dosi di Pfizer e Moderna. (Tag24 - Radio Cusano Campus)

Il Green pass “va preso in considerazione per i grandi eventi come l’accesso a stadi, concerti. L’impatto dei ricoveri, però, ha precisato, “sarà inversamente proporzionale alla quota di over 60 vaccinati, ce ne sono oltre 2 milioni non vaccinati. (Sanità in Sicilia)

E' verosimile che questi vaccini in Italia non arrivino mai, quindi avremo circa 45 mln di dosi Pfizer e Moderna In teoria - ricorda - dovremmo ricevere oltre 94 milioni di dosi, però vanno tolti 6 milioni di CureVac non autorizzato, 26 mln di AstraZeneca e 15 mln di J&J che non stiamo utilizzando. (ROMA on line)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr