Nuovi Buoni spesa Covid con il decreto Sostegni

Nuovi Buoni spesa Covid con il decreto Sostegni
Insindacabili INTERNO

Articolo aggiornato il 8 Aprile 2021 da Stefano Mastrangelo. A chi spettano i Buoni spesa del Comune?

Quando arrivano i nuovi buoni spesa 2021 dal Comune?

Come fare domanda Buoni spesa 2021?

Ad esempio il Comune di Roma ha previsto la presentazione delle istanze dei buoni spesa dal 09/03/2021 sino al 15 giugno 2021, con l’aiuto dei CAF

Il Governo Draghi, con il Decreto Sostegni, ha rifinanziato, con altri 155 milioni di euro, i buoni spesa, per aiutare le famiglie a provvedere ai beni di prima necessità. (Insindacabili)

La notizia riportata su altre testate

Il nuovo Decreto Sostegni, approvato qualche giorno fa dal Governo Draghi, ha inserito, tra le misure anti crisi, anche il nuovo Reddito di Emergenza per i mesi di marzo, aprile e maggio. Poi ci sono una serie di ulteriori requisiti, questi i principali:. (Qui Mesagne)

Nei prossimi giorni usciranno le circolari operative, ti spiegheremo cosa dovrai fare e come per ottenere il REm 2021. (Gazzetta del Sud)

Tra questi, anche 22 persone sottoposte a misure cautelari personali o condannate in via definitiva per gravi delitti nei dieci anni precedenti la richiesta del sussidio. Due dei 24 lavoratori in nero percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza (Ottopagine)

I furbetti del reddito di cittadinanza stanno anche nel carcere di Torino Vallette: 105 denunciati (tra cui anche i loro parenti)

Il secondo, “Curiamo la nostra città”, coinvolgerà 40 beneficiari, impegnati nelle attività di manutenzione e cura delle aree verdi comunali; manutenzione e cura degli spazi verdi all’interno del cimitero, manutenzione negli uffici di proprietà comunale, inclusi gli edifici scolastici. (SalernoToday)

I CONTROLLI. Nel primo trimestre del 2021 hanno eseguito controlli in 66 aziende, verificando circa 300 posizioni lavorative, nonche’ ulteriori accertamenti su persone sottoposte a misure cautelari personali, che hanno portato all’individuazione e alla relativa segnalazione all’Inps e all’autorita’ giudiziaria di 24 ‘furbetti’ del reddito di cittadinanza che percepivano indebitamente il sostegno economico. (Sergio Vessicchio)

Le persone individuate sono state segnalate a 14 uffici giudiziari nelle Regioni di residenza di Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, alla stessa Inps per la revoca del sussidio e il recupero del beneficio economico nonché alla procura regionale della Corte dei Conti per gli eventuali profili di danno erariale. (TorinoToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr