Novak Djokovic e il tampone positivo del 16 che forse è del 26 dicembre

Corriere della Sera INTERNO

Di sicuro, però, chiederò un risarcimento a Tennis Australia

Non è tutto: un’indagine del quotidiano tedesco «Der Spiegel» avrebbe addirittura messo in dubbio l’autenticità del tampone positivo del 16 dicembre (quello dopo il quale Djokovic è comunque apparso in eventi pubblici senza neanche la mascherina), che in realtà sarebbe del 26.

Nelle due settimane prima di imbarcarsi a Melbourne, Djokovic ha viaggiato eccome, stabilendosi per qualche giorno a Marbella, ad allenarsi con temperature più favorevoli. (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altre testate

È certamente qualcosa che difficilmente qualcuno potrebbe fare". Non usa mezzi termini Stefanos Tsitsipas parlando del caso scoppiato attorno a Novak Djokovic per la sua partecipazione agli Australian Open. (Tuttosport)

Le regole vigenti in Spagna però parlano chiaro: "Solo i residenti in Serbia che hanno un certificato di vaccinazione completo o un'autorizzazione speciale possono entrare in Spagna". A cura di Marco Beltrami. (Sport Fanpage)

Alla domanda "Il governo federale dovrebbe espellere nuovamente Novak Djokovic? 11:30 - Tsitsipas attacca Djokovic: "Non tutti rispettano le regole". (Eurosport.it)

L’incontro in aeroporto con Djokovic è stato del tutto fortuito, ma ha permesso a Netflix di avere le immagini del tennista. (Ticinonews.ch)

Dall’altro c’è qualcuno che ha preferito seguire la sua strada e che fa passare gli altri per stupidi…“ Ci vuole davvero molto coraggio per farlo ugualmente e mettere a rischio la partecipazione a un torneo del Grande Slam. (OA Sport)

Ai quarti, poi, l’ipotetica sfida tra il serbo e l’altro azzurro Matteo Berrettini, testa di serie numero 7, remake, sul cemento, della finale di Wimbledon vinta da Djokovic “Questi sono poteri ministeriali che possono essere esercitati dal ministro Hawke e in questo momento non farò ulteriori commenti” sulla vicenda, ha detto Morrison in conferenza stampa. (Il Fatto Quotidiano)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr