Spranghe, botte e calci a tre ragazzi seduti al bar: "branco" in azione a Conegliano

Spranghe, botte e calci a tre ragazzi seduti al bar: branco in azione a Conegliano
il Dolomiti INTERNO

Ad un certo punto sono iniziate a volare anche sedie e tavoli, lanciate da uno dei giovani aggrediti nel tentativo di difendersi dalle botte del 'branco'.

Spranghe, botte e calci a tre ragazzi seduti al bar: "branco" in azione a Conegliano. E' successo ieri pomeriggio, 2 maggio, nella piazza centrale della cittadina del trevigiano: momenti di panico nel plateatico d'un bar quando un gruppo di giovani ha aggredito tre coetanei con spranghe e cinture. (il Dolomiti)

Su altri giornali

Tre feriti sono sono stati trasportati al pronto soccorso Un gruppo di giovani con fare minaccioso si è avvicinato ad altri ragazzi seduti al bar di fronte al Teatro, in Piazza Cima. (Giornale Nord Est)

“E’ un macello”, ha detto ieri una donna dopo aver assistito alla scena. C’erano tante persone, ieri, in piazza Cima. (Oggi Treviso)

Le indagini coordinate dalla locale Procura della Repubblica proseguono al fine di giungere all’identificazione degli altri responsabili e all’applicazione di tutte le misure previste dalla legge er gli aggressori di piazza Cima arriva il "Daspo Willy". (Oggi Treviso)

Conegliano, runner in piazza Cima: testimonianza contro la violenza

Poi sono fuggiti. Sul posto sono intervenuti polizia, carabinieri e ambulanze del Suem. (ilgazzettino.it)

Il motivo del raid sarebbe stata una ragazza contesa: da qui la lite da far west con tanto di bastoni e spranghe avvenuto in piazza Cima domenica pomeriggio a Conegliano. Gli aggressori sono tutti sotto i trent’anni: al momento sarebbero sette, due individuati con certezza, altri cinque in corso di identificazione. (Oggi Treviso)

. Riprendersi la città e contrastare gli atti violenti, i podisti del gruppo “5.35 run Conegliano” all’alba di stamattina si sono ritrovati in piazza Cima e hanno voluto mandare un messaggio, in risposta al brutale pestaggio avvenuto domenica pomeriggio. (La Tribuna di Treviso)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr