Lavoro, dallo smart working ai vaccini: ecco cosa cambia con il nuovo protocollo

Lavoro, dallo smart working ai vaccini: ecco cosa cambia con il nuovo protocollo
Corriere della Sera ECONOMIA

«Un ottimo documento – afferma Rosario De Luca, Presidente della Fondazione Studi Consulenti del lavoro – ma anche in questo protocollo non si fa alcun cenno allo scudo penale per i datori di lavoro, che applichino con scrupolo tutte le disposizioni di sicurezza.

E’ stato firmato il 6 aprile 2021 e definisce le linee guida condivise tra le parti per agevolare le imprese nell’adozione e attuazione di protocolli di sicurezza anti-contagio . (Corriere della Sera)

La notizia riportata su altri media

Chiamato The Next Great Disruption is Hybrid Work – Are We Ready?, evidenzia la necessità di ripensare alcune pratiche ormai consolidate per prepararsi al nuovo mondo del lavoro. Come emerge dall’ultima edizione del Work Trend Index, infatti, nell’area Emea il 42% dei lavoratori si sente esausto e il 46% si è definito stressato (Techpost)

Il piano permette l’efficienza funzionale dei settori demografici, attività produttive, affari generali e risorse umane con la presenza in ufficio per 5 giorni settimanali di una ventina di dipendenti. (La Voce di Manduria)

Sia ai liberi professionisti e a tutti i lavoratori che scelgono di fare smart working all’estero. Il progetto all’interno del villaggio turistico può ospitare fino a 100 smart workers che dovranno impegnarsi a restare almeno un mese (BusinessWeekly)

Smartworking, gli incentivi di Paesi e aziende per lavorare da remoto Tgcom24

C'è chi lo ama e chi, invece, lo detesta. Fatto sta che sono diverse le aziende e i Paesi che hanno pensato a uno sviluppo del telelavoro, da un lato per incentivare la produttività dei propri dipendenti, dall'altro per spingerli a preferire il proprio Paese rispetto a quello di origine. (Notizie - MSN Italia)

Innanzi a questo trend, la risposta dei locatori è duplice: a chi preferisce riempire i propri spazi ridefinendo il canone al ribasso, c’è chi risponde lasciando proprio quegli spazi vuoti, in attesa di tempi migliori A darcene un’idea tornano proprio quegli uffici di cui parlavamo in apertura. (Newsby)

In molti, hanno dovuto creare in fretta una postazione lavoro diversa da quella in ufficio, ma anche una postazione DaD per i propri figli, dovendo acquistare dispositivi hi-tech che già possedeva in ufficio o a scuola. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr