Red Bull, attacco alla Mercedes. Caso in Formula Uno: "Loro velocità sospetta"

Red Bull, attacco alla Mercedes. Caso in Formula Uno: Loro velocità sospetta
Più informazioni:
Metropolitan Magazine SPORT

Helmut Marko, prima, e Chris Horner, poi, hanno gettato ombra sulla velocità sospetta delle due vetture scure che attualmente comandano il Mondiale costruttori di categoria.

La scuderia austriaca infiamma ancor di più la corsa al titolo che vede Lewis Hamilton e Max Verstappen come protagonisti assoluti per la vittoria nella graduatoria piloti.

Terremoto in Formula Uno: Red Bull, attacco alla Mercedes. (Metropolitan Magazine )

La notizia riportata su altre testate

Verstappen è tornato leader del mondiale dopo il GP di Turchia con sei lunghezze di vantaggio su Lewis Hamilton. “Nonostante l’alto carico aerodinamico, Hamilton aveva un grande vantaggio ad Istanbul, è impressionante” le dichiarazioni del team principal Red Bull (AutoMotoriNews)

Una battaglia, tra i due, senza esclusione di colpi in pista, ma anche nel paddock è sfida vera tra le due scuderie, con Mercedes e Red Bull impegnate in schermaglie dialettiche e reciproci scambi di accuse. (AutoMotoriNews)

Nel frattempo, deflagrava la polemica sulla direttiva tecnica Fia volta a rallentare il tempo dei pit-stop, considerata da Red Bull come un tentativo Mercedes di ostacolarli in un fondamentale in cui avevano raggiunto picchi di eccellenza Ai ferri corti sin da inizio stagione, nel GP Turchia il botta e risposta tra Mercedes e Red Bull si è spostato (di nuovo) sul tema della potenza della power unit. (La Gazzetta dello Sport)

Formula 1, Red Bull all'attacco: "La velocità della Mercedes è sospetta"

Il consulente del team Red Bull, Helmut Marko, vede la Mercedes favorita per la conquista del titolo mondiale. La stagione 2021 di F1 è decisamente tra le più emozionanti. Negli altri quattro circuiti, la Mercedes è la favorita numero uno – ha detto a F1-Insider -. (Motori News 24)

Chi pensava che si fosse arrivati ad una tregua, seppur momentanea, si sbagliava di grosso. Dopo il Gp di Turchia, la vittoria di Bottas, davanti a Verstappen e la rimonta di Hamiton la Red Bull è tornata ad attaccare i rivali del team di Brackley. (SportFair)

I numeri. I dati raccolti da Red Bull, e che destano enorme preoccupazione in vista di un accesissimo rush finale, riferiscono di una differenza nella velocità di punta di 15-20 chilometri orari: “Non abbiamo strumenti per avvicinare una velocità di punta simile – è l’attacco del team principal degli austriaci, Chris Horner – e se nella prima parte di stagione, con un alettone posteriore più scarico, potevamo avvicinarci, adesso è impossibile. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr